Un morto tra noi. L’ultima notte di Muammar Gheddafi
| |

Il romanzo di Yasmina Khadra L’ultima notte del Rais ripercorre la vita e gli ultimi istanti di Muammar Gheddafi.

Il culto moderno degli eroi
| |

Nel secolo XX il culto degli eroi ha conosciuto la sostanza di una vera religione pagana, rinata inopinatamente tra le maglie della società profana di massa.

Alla radio di Monaco
| |

Un breve estratto dal Diario 1943-1944 di Evola: la nascita, a Rastenburg, della Repubblica Sociale Italiana.

Filippo Corridoni sindacalista rivoluzionario
| |

La figura e l’opera di Filippo Corridoni non possono non stupire il lettore contemporaneo per l’entusiasmo, l’intensità e lo slancio di una lotta sindacalista lontani anni luce dall’accezione stessa che il termine ha acquisito in questi decenni.

Bestie, uomini e Dei. Un libro tra natura, politica ed esoterismo
| |

Bestie, uomini e dei di Ferdinand Ossendowski è un libro affascinate, policentrico e attualissimo.

Restituire l’onore dovuto all’ammiraglio Lütjens, protagonista dell’epopea della «Bismarck»
| |

Che ufficiali come Günther Lütjens fossero dei galantuomini, oltre che dei professionisti splendidamente preparati, è duro da ammettere, e, quando è proprio necessario, lo si fa molto a denti stretti.

La battaglia sull’Istmo di Perekop
| |

Nell’autunno del 1920 la guerra civile russa era ormai avviata verso la sua inevitabile conclusione, con le armate bianche che cedevano, una dopo l’altra, davanti alla pressione dell’Armata rossa forgiata da Trotzkij e da lui diretta con spietata energia.

L’illusione fascista
| |

Il libro dell’Hamilton – che nell’edizione originale si intitola The Appeal of Fascism – vuol essere un’analisi dei motivi per i quali numerosi intellettuali subirono, a un certo punto, «il fascino del fascismo».

Chi ha voluto la guerra sovietico-polacca del 1920? Una questione storiografica ancora aperta
| |

Da sempre gli storici discutono su chi porti la maggiore responsabilità per la scoppio della guerra russo-polacca che, preannunciata da alcuni scontri di frontiera nel 1919.

Le communisme hiérarchique
| |

Le livre de Sonia Michelacci Il comunismo gerarchico est l’oeuvre la plus complète, publiée en Italie, sur la conception de la propriété privée vue par le fascisme italien et le national-socialisme allemand.

Fu “Resistenza” o crimine?
| |

Stauffenberg e gli altri congiurati del 20 luglio 1944 erano tutte persone che, man mano che la sconfitta si avvicinava, si misero a elaborare un dilettantesco piano di rivolta dietro l’altro, spinti soprattutto dalla temuta prospettiva di essere travolti dal disastro e di perdere, così, quanto rimaneva delle posizioni di potere di una casta al tramonto.

Il processo di Norimberga è stato il prologo del totalitarismo finanziario mondiale
| |

In ‘Norimberga o la terra promessa’ Maurice Bardèche descriveva le conseguenze non solo politiche e giuridiche, ma soprattutto economiche e finanziarie, del “nuovo ordine mondiale” inaugurato dal processo di Norimberga.

La morte per la patria
| |

Una recente pubblicazione ci permette di ripercorrere a fondo uno degli snodi essenziali della cultura nazionalista italiana, incentrata sin dai suoi esordi sul culto dei martiri dell’Idea e sulla devozione verso chi dona la vita per la nazione.

Esoterismo, Tradizionalismo e Fascismo. Un rapporto complesso e sottaciuto
| |

La politica culturale inclusiva di Evola, attestata dall’esperienza di “Diorama”, mirava a valorizzare ciò che accomunava e univa l’area intellettuale di riferimento, non ciò che tendeva a dividerla, a disgregarla.

Le baron von Ungern vénéré dans les temples mongols
| |

Depuis peu, on ne cesse d’écrire sur une figure qui, malgré sa stature extraordinaire, était passée presque inaperçue dans le tumulte consécutif à la précédente guerre: celle du baron Ungern-Sternberg.

Trjapicyn in Siberia orientale: breve la vita felice di un “bandito” anarchico
| |

Un episodio poco noto della guerra civile scatenatasi in Unione Sovietica dopo la Rivoluzione d’Ottobre che ebbe luogo nelle remote regioni dell’Estremo Oriente nel 1920.

La crociera e la fine della corazzata «Bismarck» (18 – 27 maggio 1941)
| |

Una storia della battaglia dello stretto di Danimarca e dell’operazione Rheinübung, che terminarono con l’affondamento della corazzata tedesca Bismarck.

Impiego della 16.SS-Pz.Gr.Div. ‘Reichsführer-SS’
| |

A partire dal mese di maggio del 1944 i reparti della divisione furono trasferiti nuovamente sul fronte italiano per fronteggiare l’avanzata delle forze alleate, dislocati nella regione costiera di Follonica.

Il Mistero dei Misteri
| |

Il saggio di Louis de Maistre è un fondamentale testo di riferimento per approfondire le vicende narrate da Ossendowski, anche se buona parte dell’opera e della vita dell’autore polacco restano circondate da un alone di mistero.

Un destino tedesco
| |

È il 1929 quando la Franz Eher Verlag pubblica Michael – Diario di un destino tedesco (titolo originale: Michael – Ein deutsches Schicksal in Tagebuchblättern), il romanzo scritto da Joseph Goebbels.

Modernità totalitaria
| |

Lungi dall’essere uno Stato di polizia, il Regime fascista non fece che allargare alla totalità del popolo i suoi miti fondanti, le sue liturgie politiche, il suo messaggio di civiltà, il suo italianismo, la sua vena sociale.

Il nuovo ordine giapponese in Asia nel 1941-42 rese inevitabile la fine del colonialismo occidentale
| |

La politica panasiatica giapponese rese inevitabile e quasi immediata la partenza delle potenze coloniali occidentali, a guerra finita.

El comunismo jerárquico
| |

El excelente trabajo de Sonia Michelacci es una lectura particularmente útil en la era del turbocapitalismo devastador que caracteriza a la globalización.

Quella strana sintesi tra comunismo e nazione
| |

Nazionalbolscevismo – Uomini, Storie, Idee di Marco Bagozzi racconta il percorso eretico percorso degli intellettuali “rivoluzionari conservatori” sulla natura “nazionale” della rivoluzione bolscevica.

Squalo divora squalo
| |

La menzogna è più di uno strumento indispensabile per l’affermazione del comunismo, è, potremmo dire, l’essenza più profonda del comunismo stesso.

Nazionalsocialismo, religione pagana
| |

Lo studio del Nazionalsocialismo come cupa religione psicopatologica, attraversata da ogni sorta di perversioni, è una pratica ben collaudata e sempre in auge.

Fascismo, Nacionalsocialismo y cultura de Derecha
| |

Fascismo y nacionalsocialismo no regaron a crear en el seno del Estado una ciudadela que pudiese sobrevivir a la catástrofe política.

L’Italia nel XX secolo
| |

Un libro di Rutilio Sermonti sulla “Storia dell’Italia moderna per gli studenti che vogliono la verità”, pubblicato dalle Edizioni all’Insegna del Veltro.

Quando l’archeologia si specchia nel tempo
| |

Molti degli edifici che fecero corona a quella vicenda folgorante che fu l’ascesa del Nazionalsocialismo sono ancora lì. Basta lasciarsi guidare da un’eccezionale iniziativa editoriale, che con una serie di pubblicazioni sta dando vita a vere e proprie guide specialistiche.

La coda di paglia della storiografia inglese e la guerra d’inverno finno-sovietica del 1939-40
| |

Il saggio di Douglas Clark Tre giorni alla catastrofe è un buon esempio della parzialità e della scarsa onestà intellettuale degli storici anglosassoni a proposito della guerra d’inverno finno-sovietica del 1939-40.

Da Giovane Europa ai Campi Hobbit
| |

Le edizioni Controcorrente di Napoli hanno dato alle stampe Da Giovane Europa ai Campi Hobbit di Giovanni Tarantino, una storia della destra giovanile italiana post ’68.

Sicilia 1943, coraggio italiano e massacri USA
| |

Leggendo il recente libro di Andrea Augello Uccidi gli italiani. Gela 1943, la battaglia dimenticata (Mursia), si verifica che anche nel caso dell’invasione della Sicilia – nonostante gli scandalosi comportamenti degli alti gradi – ci furono eroismi sconosciuti e degni di miglior fortuna.

Mussolini al Gran Sasso
| |

Un libro di Vincenzo di Michele raccoglie testimonianze di popolani sul periodo di detenzione di Mussolini a Campo Imperatore.

La storia ignorata
| |

Il muro delle menzogne comincia a mostrare le prime crepe, ma non ci dobbiamo illudere: l’era degli inganni non è finita e non finirà né domani né dopodomani, ma un giorno la gente non ne potrà più di coloro che non hanno fatto altro che ingannarla, e sulla menzogna hanno fondato il loro potere.

Il neopaganesimo di Otto Rahn
| |

Il libro di Hans-Jürgen Lange ‘Otto Rahn e la ricerca del Graal’, a differenza di altri usciti anni fa sul medesimo argomento, si segnala per serietà e credibilità storiografica.

Giarabub di Goffredo Alessandrini
| |

Sono molti i pregi artistici del film, dalla recitazione alla fotografia; ma, fra tutti, uno spicca in modo particolare: il formidabile senso dell’azione, che – come è stato osservato – ricorda, e quasi certamente non per caso, il miglior cinema «western», con il classico fortino nel deserto assediato dalle orde dei Pellirosse e difeso eroicamente, fino all’ultimo uomo, dalla guarnigione votata al sacrificio.

“Femminilità metallica”: le forme del Futurismo
| |

Il tema della femmina futurista è un apice della cultura e della società del primo-Novecento che non ha avuto seguito, se non in quel drappello di donne colte e emancipate che al tempo debito misero la camicia nera, diventando squadriste.

Quei fascisti fatti passare per partigiani
| |

Lo storico Pietro Cappellari ha dimostrato che una lapide nel centro di Terni bolla come “partigiani” alcuni caduti fascisti della Repubblica Sociale Italiana.

Duello sul delta, nella giungla, di Aldo Gabrielli
| |

Non molti sanno che Aldo Gabrielli, oltre ad essere stato l’autore di un celebre dizionario e uno dei maggiori esperti della lingua italiana del XX secolo, si è anche cimentato nella letteratura per ragazzi, collaborando alla importante collana «La Scala d’Oro» della U.T.E.T., confluita poi, in gran parte, nella leggendaria enciclopedia per ragazzi «Il Milione».

Il fascismo internazionale
| |

Si può parlare del Fascismo non come di un caso nazionale specificatamente italiano, ma come di un caso transnazionale, che ha più o meno interessato tutte le aree del nostro continente.

Mozzare le mani ai naufraghi
| |

Il libro di Antonino Trizzino Sopra di noi l’Oceano racconta la drammatica vicenda dei prigionieri italiani morti nell’affondamento del piroscafo inglese Laconia.

Il nazionalsocialismo
| |

Una breve analisi storica della parabola compiuta dal partito nazista, dalla sua fondazione alla tragica fine della seconda guerra mondiale.

Il fascismo italiano
| |

Brani tratti dal libro postumo Il fascismo come fenomeno europeo, cap II (pp. 37-42).

Civiltà contadina e sovversione progressista
| |

Non il bracciante salariato, che era la punta di lancia delle rivendicazioni classiste dei socialcomunisti, ma la famiglia contadina rappresenta il perno sociale: questa la diversificazione tra i progressisti e il Fascismo.

La rivolta di Maritz e De Wet nel 1914, preannuncio della rivincita boera sull’Inghilterra
| |

La storia ci mostra che non sempre chi vince sul piano militare vince anche, nel medio e nel lungo periodo, sul piano politico. Tale fu anche il caso del Sudafrica: la fallita insurrezione boera del 1914 deve essere valutata più come il primo annuncio della futura indipendenza del Sudafrica dall’Inghilterra, che come l’ultimo sussulto della precedente guerra anglo-boera.

Guido Pallotta: credere nella rivoluzione
| |

Per Guido Pallotta il Fascismo era essenzialmente un’etica del rigore e della serietà nelle scelte.

Furono crimini, ma democratici
| |

I bombardamenti alleati sulla Germania produssero ottocentomila civili tedeschi uccisi, secondo stime prudenti. E con modalità di guerra giudicate criminali persino dai più tenaci democratici.

I forzati all’assalto
| |

Reportage dalla battaglia combattuta nei pressi di Savukoski durante la Guerra d’inverno tra Finlandia e Russia (1939-1940).

Gottfried Feder e il programma della Nsdap
| |

Leggendo oggi Il Programma del NSDAP e le sue fondamenta ideologiche di Gottfried Feder verifichiamo lo sforzo attuato in Germania per abbinare il sentimento nazionale e la giustizia sociale, nella direzione della concezione organica della comunità popolare.

1 2 3 4 5