Mille e una Russia

|

La morte del Vazir Muchtar, romanzo di Jurij Tynjanov, torna in libreria per i tipi di Settecolori.

Allegre distopie

|

L’esordio letterario di Marco Pinti trasporta il lettore in un futuribile medioevo postmoderno.

La sapienza nascosta di Dante

|

Un recente libro di Nuccio D’Anna fornisce le chiavi necessarie per aver accesso alle profondità dell’universo dantesco.

Straziami, ma di frustate saziami…

|

La Dama Nera, conosciuta come Elisabetta nell’Occidente latino, rivive nelle pagine del capolavoro di Valentine Penrose, un classico dell’erotismo riproposto dopo sessant’anni.

Borges et alii

|

Sandro Giovannini ha dedicato un saggi all’esegesi della produzione di Borges, di Victoria Ocampo e altri autori elitisti.

Brasillach, l’essere gioioso

|

Il libro di Alice Kaplan su Brasillach è esemplare d’una situazione che peggiora dopo un lavaggio dei cervelli durato decenni.

Mishima, Bellezza e Morte

|

Riccardo Rosati propone una lettura eminentemente estetica della creatività e delle scelte dello scrittore giapponese.

De Bonald sugli Ebrei

|

Le considerazioni di Bonald sono quelle di un conservatore dell’Ancien Régime che vede gli Ebrei con la mentalità paternalistica di un cattolico che considera gli Ebrei come il Popolo di Dio.

Tenebrosi lumi

|

Dal cuore di tenebra della Rivoluzione francese è scaturito il Novecento, lunghissimo secolo breve che ci illudiamo di aver lasciato alle nostre spalle.

L’esilio di Vintila Horia

|

La recensione di un giovanissimo Adriano Romualdi a Dio è nato in esilio di Vintila Horia.

Oltre Orwell

|

Brevi riflessioni sulla sconcertante attualità delle previsioni nel romanzo 1984 di George Orwell.

Emigrazione interna. La letteratura nel Terzo Reich

|

L’emigrazione aristocratica aveva una cultura sostanziata dal mitologema della «Germania Segreta», rivitalizzato nel Novecento dal Circolo di George, che mirava al ritorno ad un Reich ideale, all’eterna Germania.

1 2 3 4 26