Filosofia della carta

|

L’origine della carta e il suo riciclo mostrano che tutto in natura è ibrido e, come sapeva Anassagora, che “tutto è in tutto”.

Gli ultimi due volumi di Roberto Calasso

|

I due libri postumi dell’innovatore per antonomasia dell’editoria italiana.

L’irripetibile

|

Un libro di Massimo Donà dedicato alla discussione del dadaismo, la più radicale tra le avanguardie primo-novecentesche.

Libri, cari compagni d’un tempo

|

Difficile dire se il libro, come oggetto materiale, fatto di carta e di cartoncino, sopravviverà alla civiltà tecnologica avanzata.

Sul viaggiare e sulla tradizione

|

Azzurre lontananze di Giovanni Sessa delinea un modo di viaggiare che si apre a una dimensione altra, quella della tradizione.

Dèi e Potenza. Il prometeismo di Guillaume Faye

|

Per Faye il tratto ontologicamente costitutivo dell’uomo europeo è spirito di conquista, audacia, costruzione di forme sempre nuove.

Io terrò duro, qualunque cosa accada

|

Un estratto dalla prefazione di Giovanni Sessa al volume di Otto Braun, “Io terrò duro, qualunque cosa accada”. Diario e lettere di un giovane volontario di guerra.

Giorgio Locchi e la filosofia dell’origine

|

Per Locchi, la storia non è scritta ab initio, è sempre esposta sul possibile, sull’imprevedibile.

Reghini e Cornelio Agrippa

|

Un saggio sull’influenza di Cornelio Agrippa sull’ermetismo di Arturo Reghini.

Tramonto e Aurora

|

Il pensiero di Tradizione è antidoto allo stato delle cose rappresentato dalla post-modernità.

All’orlo della storia

|

Il libro di W. I. Thompson pone di fronte al problema annoso della sintesi di innovazione e tradizione.

Genesi e struttura della società. La centralità della filosofia politica di Gentile

|

È tornata da poco nelle librerie per i tipi di OAKS editrice l’opera che può essere considerata il lascito spirituale di Giovanni Gentile.

1 2 3 4 27