La via degli dei. Sapienza greca ed iniziazione

|

La Sapienza arcaica non segnò una rottura nei confronti del mito, non manifestò, sic et simpliciter, l’affermarsi della ratio: il lógos greco sorse in colloquio stringente con la cultura che lo precedette.

Le due Vie dei Misteri per l’Opera del vīra

|

Il Rebis, sintesi dei misteri maschili e femminili, prende corpo con il carattere di doppio unificato nell’Uno.

Religioni misteriche e uomo contemporaneo: un possibile incontro

|

Con il suo ultimo lavoro Stefano Arcella ha presentato i tratti connotanti i culti misterici d’Occidente e d’Oriente, chiedendosi quale sia la Via oggi praticabile per una possibile riattualizzazione di tale retaggio spirituale.

Julius Evola oltre Nietzsche

|

Par delà Nietzsche rende ragione a quanti sostengono Evola essere filosofo del Novecento di spessore europeo.

Misteri, segreti e storie insolite di Napoli. Gli enigmi più seducenti di una città dai molti volti

|

Misteri, segreti e storie insolite di Napoli di Agnese Palumbo e Maurizio Ponticello ha avuto un ampio e meritato successo di pubblico raggiungendo già a gennaio la quarta edizione.

Il Mistero dei Misteri

|

Il saggio di Louis de Maistre è un fondamentale testo di riferimento per approfondire le vicende narrate da Ossendowski, anche se buona parte dell’opera e della vita dell’autore polacco restano circondate da un alone di mistero.

Da Orfeo a Pitagora

|

Presentazione del libro di Nuccio d’Anna Da Orfeo a Pitagora. Dalle estasi arcaiche all’armonia cosmica, di prossima pubblicazione da parte delle Edizioni Simmetria

Dioniso o le beatitudini ritrovate

|

Epifanie ed occultamenti di un dio “nato due volte” e l’arcaicità del suo culto nella Grecia antica

I misteri di Andania. Le grandi dee e il culto di Apollo Karneios

|

La storia del culto misterico di Andania è intrecciata con il conflitto della Messenia contro Sparta, risalente alla metà dell’ VIII secolo a.C. e ripetutosi poi nel V e nel IV secolo a.C.

I Misteri di Cibele e Attis. La storia: dal mito delle origini alla romanizzazione del culto

|

Gli Antichi conoscevano benissimo le pulsioni inferiori dell’uomo, ma le utilizzavano trasfigurandole, sublimandole, dando loro una diversa orientazione verso l’alto.

1 2