Shakespeare e il nulla. L’ultimo libro di Massimo Donà
| |

Nei drammi di Shakespeare, analizzati da Donà organicamente per trarre da essi il contenuto segreto che si mostra nei cenni e nelle allusioni dei personaggi, emerge la confusa varietà della vita, nella quale è altresì rinvenibile una misteriosa unità, un’identità inconsistente.

Pan è vivo e danza al fianco degli Uomini
| |

Gli Dei non si sono ritirati, né tanto meno sono svaniti o morti: essi attendono la chiamata di uomini risvegliati.

Il cellulare sessista
| |

Il livello surreale cui è giunto il giornalismo italiano, seguendo senza più alcun freno i dogmi del linguaggio politicamente corretto.

Il ricordo della decadenza
| |

Il presente brano costituisce il cap. 6 del libro Il selvaggio. Saggio sulla degenerazione umana.

Gli Olimpici
| |

Nel culto divino degli antichi Greci si manifesta ai nostri occhi una delle più grandi idee religiose delI’umanità – l’idea religiosa dello spirito europeo.

Massoneria e Grande Guerra. Una storia ambigua
| |

Negli atti di due recenti convegni vengono messe in luce le relazioni tra la Massoneria italiana e le forze politiche in campo nei mesi che seguirono il Patto di Londra.

Paganesimo cristianesimo Europa
| |

Forse i valori più profondi della tradizione classica-precristiana e di quella cristiana sono custoditi oggi nell’Est Europa, e possono trovarvi uno sviluppo che li ponga al riparo dal tramonto dell’Occidente.

Neturei Karta ed altri ebrei contro il sionismo
| |

La visione tradizionale dei Neturei Karta appare, in ambito ebraico, quella che più si avvicina ad un’idea di visione tradizionale e metafisica.

Il Labirinto di San Pietro in Pontremoli
| |

Un saggio di Renato Del Ponte dedicato al labirinto di San Pietro in Pontremoli, alla sua storia e ai suoi significati.

Heidegger e i Quaderni neri. Una disputa incontenibile
| |

Nei confronti del pensiero di Heidegger si sta tentando di mettere in atto un processo di sterilizzazione politica, servendosi dell’espediente liberticida che Alain de Benoist definì reductio ad hitlerum.

Studi Evoliani 2014. L’annuario del quarantennale evoliano
| |

Studi Evoliani 2014 fornisce spunti teorici per comprendere l’importanza del pensiero di Evola nel mondo contemporaneo e fa chiarezza in merito a diverse recenti polemiche.

L’origine e il sacro. Un frammento
| |

Può anche Giano essere messo al bando, sottoposto a esclusione, reso uccidibile? E se ciò fosse possibile, questo non significherebbe l’oblio degli inizi, il tramonto dell’origine, la sua tragica eclissi?

Le Banche Centrali sono al servizio dell’economia reale?
| |

Sono chiari i segnali per cui anche l’ultima bolla è sul punto scoppiare, con implicazioni che vanno ben al di là di quelle che l’hanno preceduta.

Skanderbeg, il patriota dell’Albania che difese i valori dell’Europa
| |

Le principali vicende di quello che sarebbe divenuto l’eroe della storia albanese: Gjergj Kastrioti, detto Skanderbeg, dal nome Iskander (Alessandro) che i turchi ottomani gli diedero, paragonando probabilmente le sue doti militari a quelle del macedone Alessandro Magno.

Conoscere la storia con i giornali. Intervista allo storico Marco Cimmino
| |

La case editrice Hachette Fascicoli ha pubblicato per un intero anno una serie settimanale intitolata Giornali di guerra 1940-1945; ora, giunti alla fine di questa serie di 52 fascicoli, e visto il suo successo, si è pensato di effettuare la stessa operazione con i giornali del fascismo 1919-1939.

Volt, il conte futurfascista
| |

Vincenzo Fani Ciotti (1888-1927) fu autore di un preveggente romanzo fantastico-futurista in cui si mescolano invenzioni scientifiche, anticipazioni sociali e polemiche politiche.

Ecumenismo cristiano: ritorno alla Tradizione ed al primato di Roma
| |

I lavori della Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e la Chiesa ortodossa avevano lo scopo di avvicinare ulteriormente le due parti sul punto cruciale del primato.

Elogio della giovinezza e dell’estate. Sull’ultimo libro di Riccardo Paradisi
| |

Un’estate invincibile di Riccardo Paradisi è è una mano tesa a quanti non si siano ancora arresi alle mezze verità e all’azzeramento della dimensione profonda della vita.

Note sulla filosofia araba; da Al Gazali ad Averroè. Secoli XII-XIII
| |

La vita e le opere dei principali esponenti della filosofia islamica tra il dodicesimo e il tredicesimo secolo.

Il panismo dannunziano alla luce del «disvelamento dell’essere» di Heidegger
| |

Alcuni tratti peculiari accomunano il sentire dal poeta pescarese con la filosofia del disvelamento dell’essere sviluppata da Heidegger.

Papa Bergoglio e la decadenza della Chiesa Cattolica (quarta parte)
| |

Le nuove tesi papali in materia di gerarchia, sinodalità, decentralizzazione in seno alla Chiesa.

Note sulla filosofia araba, dagli inizi ad Avicenna. Secoli IX-XII. Parte 1
| |

Il mondo arabo, tutt’altro che marginale rispetto agli influssi delle dottrine greche, aveva già assimilato molto prima del XII secolo la scienza dell’Ellade e la sua filosofia, speculazioni che per il resto dell’occidente continuavano ad essere sconosciute perché dimenticate per mancanza di trascrizioni dal greco delle opere antiche.

L’umanità come finzione
| |

Shakespeare e Marlowe, i due grandi esponenti del teatro elisabettiano, hanno negato l’esistenza effettiva dell’umanità.

Horthy tenta il salvataggio in extremis
| |

Il colpo di mano di Otto Skorzeny che portò alla deposizione dell’ammiraglio Horthy.

Gli Imperi della Paura. Finanzcapitalismo ed Islam
| |

Oltre alla guerra dichiarata all’Occidente dalle organizzazioni armate islamiche è in corso una sottomissione dolce dell’Europa.

Per farla finita con la paura della morte fra Libro Tibetano dei Morti e Heidegger
| |

La morte rappresenta nell’economia dell’esistenza l’aspetto più ignoto, consistendo in un momento di passaggio dalla condizione quotidiana a quella che si presenta come un definitivo cambiamento di stato.

Lo zodiaco ermetico di Raoul dal Molin Ferenzona (terza parte)
| |

Zodiacale di Ferenzona mescola una pluralità di ascendenze, provenienti dalle più svariate tradizioni, in un sincretismo che ricorda da presso quello di certe opere del pittore russo Nikolaj Roerich.

Il culto di Priapo
| |

Il grande Pan non è morto, come invece sosteneva Plutarco, ma si è senz’altro addormentato, a causa del nostro umano decadimento.

La guerra contro l’anima del IX secolo
| |

Nel secolo VIII si assiste a una graduale dissoluzione della struttura politica e legale del mondo classico, che verrà sostituita dalle culture affermatesi nel continente dopo la caduta dell’impero di Roma.

Il neofascismo in Sardegna. Un nuovo saggio storico
| |

Il libro di Serra e Abis Neofascisti rappresenta un importante momento del recupero della memoria storica delle destre italiane.

Religioni misteriche e uomo contemporaneo: un possibile incontro
| |

Con il suo ultimo lavoro Stefano Arcella ha presentato i tratti connotanti i culti misterici d’Occidente e d’Oriente, chiedendosi quale sia la Via oggi praticabile per una possibile riattualizzazione di tale retaggio spirituale.

Non c’è scampo alla propria coscienza
| |

Il senso degli angoscianti racconti di Poe verte sull’irrimediabile dannazione dell’uomo moderno.

Una grammatica araba antica edita a Padova
| |

Cenni sui Flores Grammaticales Arabici Idiomatis […] di Agapito da Fiemme (1653-1687).

Nuove/vecchie vie per la cultura italiana. I cinque anni antimoderni di “Antares”
| |

I cinque anni della rivista Antares: un lavoro vario, complesso, originale e intelligente che ha gettato una pietra nella morta gora della nostra cultura ed editoria.

Sulla catastrofe dell’origine. Un frammento
| |

La tradizione come tradere va a fondo per riemergere come ‘tradizione dell’origine’, franta, sconnessa, sempre a rischio, mai assicurata una volta per tutte.

Il “popolo eletto”
| |

Il libro The Chosen Few di M. Botticini e Z. Eckstein analizza la questione ebraica prestando attenzione ad alcuni snodi cruciali della storia dell’Israele antico e medievale.

Julius Evola in guerra
| |

Il libro di Gianfranco de Turris è un’opera di ricostruzione e contestualizzazione storica che, in termini stilistici, può essere avvicinata alla tradizione del biografismo anglosassone.

Misteri antichi e pensiero vivente
| |

Riflessioni sul recente libro di Stefano Arcella (ed. Controcorrente), ponte operativo tra la spiritualità dei Misteri e le esigenze dell’uomo mentalizzato e materializzato.

Lo zodiaco ermetico di Raoul dal Molin Ferenzona (seconda parte)
| |

Nell’ambiente romano del primo dopoguerra Ferenzona entra in contatto con i più rappresentativi studiosi dell’esoterismo, da Decio Calvari e Giovanni Colazza ad Arturo Reghini e Julius Evola.

L’influenza di Hegel sul pensiero New Age
| |

Una certa visione della realtà della “nuova era” è in realtà un adattamento semplificato di una visione antica, diremmo tradizionale, resa razionale e tramandata da tutta la vera tradizione filosofica occidentale.

Museologia e Tradizione
| |

La casa editrice Solfanelli ha recentemente pubblicato Museologia e Tradizione, un libro che raccoglie gli articoli di Riccardo Rosati su questo specifico tema.

Dalla Casina Rosa. Prospettive morselliane
| |

Il volume collettaneo Guido Morselli. Un Gattopardo del Nord raccoglie alcuni contributi dei più noti esegeti italiani e stranieri dello scrittore.

Papa Bergoglio e la decadenza della Chiesa Cattolica (terza parte)
| |

E’ stata esplicitamente sdoganata la figura di una Chiesa in cui, “come in una piramide capovolta, il vertice si trova al di sotto della base”.

Riflessioni su alcuni romantici
| |

Affinità e differenze di vedute e di estetica tra alcuni autori ottocenteschi.

Lo zodiaco ermetico di Raoul dal Molin Ferenzona (prima parte)
| |

La vita burrascosa e le opere di Raoul dal Molin Ferenzona, importante artista oggi quasi dimenticato.

La democrazia organica di de Benoist. Oltre il liberalismo e la modernità
| |

Democrazia, il problema di Alain de Benoist è stato da poco ripubblicato nella collana “i libri del Borghese” da Pagine editore, a cura di Giovanni Sessa.

Viaggio al termine della modernità
| |

Quella cui ci chiama Gianfranco de Turris è una filosofia della responsabilità, quanto di più rivoluzionario possa esserci, in un tempo “post”, “liquido” e “debole” come il nostro.

Né destra né sinistra. Una critica del radicalismo liberale
| |

Nel recente saggio di Paolo Borgognone viene delineata la storia dell’involuzione politica della sinistra italiana.

Papa Bergoglio e la decadenza della Chiesa Cattolica (seconda parte)
| |

I segnali del declino nell’esegesi del discorso papale tenuto nell’Aula Paolo VI lo scorso 17 ottobre 2015.

Evola e Gentile. Due filosofi colpiti dalla folgore di Apollo
| |

La folgore di Apollo che brillò nel pensiero di Evola si ripercosse altresì in quello di Gentile; per cui non è azzardato ipotizzare un punto d’incontro tra l’attualismo gentiliano e il transidealismo evoliano.

1 2 3 4 34