Pio Filippani-Ronconi e Ungern Sternberg

Francesco Lamendola

Francesco Lamendola, laureato in Lettere e Filosofia, insegna in un liceo di Pieve di Soligo, di cui è stato più volte vice-preside. Si è dedicato in passato alla pittura e alla fotografia, con diverse mostre personali e collettive. Ha pubblicato una decina di libri e oltre cento articoli per svariate riviste. Tiene da anni pubbliche conferenze, oltre che per varie Amministrazioni comunali, per Associazioni culturali come l'Ateneo di Treviso, l'Istituto per la Storia del Risorgimento; la Società "Dante Alighieri"; l'"Alliance Française"; L'Associazione Eco-Filosofica; la Fondazione "Luigi Stefanini". E' il presidente della Libera Associazione Musicale "W.A. Mozart" di Santa Lucia di Piave e si è occupato di studi sulla figura e l'opera di J. S. Bach.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Sepp ha detto:

    Io ho letto entrambi i due libri, nel dio della guerra Urgen è descritto come deve essere un vero comandante, viene rispettato perché è in grado di fare tutto, ottiene la fiducia dei suoi uomini perché non li manda mai al massacro e non li sacrifica, per vincere usa tattica e strategia, interviene prima che il suo comando possa essere messo in discussione, per riportare l’ordine sa che se perdona una defezione è l’inizio della sua padronanza sulle truppe, il barone non è un comandante improvvisato, come può esserlo un comandante dei rossi, lui è nato respirando la guerra è il potere. Il polacco confonde le qualità di scrittore con quelle del guerriero, non ha le qualità del militare, se fosse lui a comandare il suo esercito non avrebbe visto la fine del giorno. Un comandante incapace verrebbe ucciso dai suoi stessi uomini. Comandare non è da tutti, specie per gli strateghi improvvisati. Chi si scandalizza non conosce gli uomini. Il cristianesimo ha confuso le idee, tutti sono diventati degli inutili contestatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *