La strategia militare di Hitler

Potrebbero interessarti anche...

59 Risposte

  1. Ales ha detto:

    Non sono snob con Lei se dico che non posso abbassarmi a questo livello, quello che non può sapere (come dei soldati inglesi moselyani) diventano frottole, va bene per la Tv di oggi. I commenti di Maurizio sono spesso insensati, io per primo parlavo di errori tedeschi all'Est e non ho mai voluto far assumere luce di paladino a qualcuno (magari a Kesselring sì!) . Sono vuote congetture, io ho le fonti e Lei no. Anche perchè non ho mai inteso criminalizzare il popolo inglese. Semplicemente Lei non accetta la realtà di fatti che non conosce e non vuole conoscere. Lei è intrappolato nella propaganda alleata dell'ultimo regime più asservito ("il ragazzino servo del 1950 che cerca gli americani") tanto da dubitare delle proteste della chiesa d'inghilterra per una guerra aerea mai neanche pensata dai cattivi nazisti e del mancato peerage a Harris, che sono fatti ovvi e risaputi da noi addetti ai lavori.

  2. Ales ha detto:

    Cosa ci sarebbe di diabolico nelle stupidaggini di Malmedy. La Slovacchia figura ovunque e oggi, come il primo alleato effettivo militare di Berlino. E Gli slovacchi hanno sempre collaborato con i tedeschi in funzione anticeca, FIN DAL 1930, con Hlinka, comodo tirare fuori Tiso (poi lei non lo fa perchè conosce il polpettone di oggi su Tiso). è lei il fazioso che inventa le cose, allora la questione di Bolzano tra Italia e Germania dovrebbe condurre alla conclusione propagandistica che Mussolini e Hitler non erano amici? Un esempio a caso. Conti i miei di fatti citati e i suoi, districandoli dalle inutili chiacchiere. Certamente che in Kesselring c'era qualcosa di umanitario. Ah già lei confonde Kesslering col generale tedesco Simon (eventualmente), ho capito. Coventry era una zona industriale, e le Auschwitz dal cielo sono causate dagli alleati, non certo da una Luftwaffe che ha fatto la guerra senza bombardieri (poteva comportarsi meglio, come i fanti tedeschi comuni, nell'Est, ma nella stessa Stalingrado martoriata questi ultimi venivano affiancati da bambini russi mentre marciavano, che ne parlavano in modo entusiastico, fatto bizzarro).

  3. Ales ha detto:

    Il popolo inglese non aveva alcuna intenzione di sconfiggere Hitler ed era suddito del Re che abdicò, per non parlare dell'aristocrazia che sapeva di perdere il Commonweath ed era anche filo NS. Del resto si sa, Hitler si intendeva come leader di un suo impero nella provincia mondiale del Commonwealh, il mondo lo lasciava al Commonwealth. La GB dell'epoca soprattutto non è mai stata un cordone ombelicale degli USA, e oggi lo è meno di noi staterelli vassalli USA. Ma ripeto inutile parlare con un adepto di radio-propaganda. L'Olanda governo era completamente in collaborazione con l'MI6. Ma olandesi, francesi, belgi, stanno chiaramente dalla parte dei tedeschi, ben distanziati dai loro governi interbellici. L'adesione paramilitare, militare e i bagni di folla dopo Tscherkassy, ecc. parlano chiaro oltre a dati che quelli come lei negherebbero. Dunque nei progrom russi gli ebrei non venivano uccisi, interessante, Olodomor è poi lo sterminio ordinato da Mosca un pò prima del 1939. Anche quelli sono milioni di morti. Poi ci sono quelli causati dall'aeronautica alleata. A bombardare la Francia sono stati gli americani, non i tedeschi.

  4. Ales ha detto:

    Consiglio la mostra foto di Andrè Zucca sulla nazione franco-tedesca…contiamoli pure i partigiani….poche chiacchiere, fatti. Io ho letto un tomo da migliaia di pagine "The People's War" in GB, gli americani del 1942 sono visti come totalmente stranieri, scarsamente di origine britannica, e in ogni caso creola (nel senso di coloniale), sono una nazione di polacchi, tedeschi, italiani, che non ha niente a che fare con la Gran Bretagna che era Europa e che si rammaricava dell'emigrazione nel Commonwealth. I partiti inglesi sono contro, per es. alla Helloween americana (non le forme native europee) e per un ripristino di Guy Fawkes, non c'è niente di anglo-americano tranne le basi Nato, i Macdonald, il suo mondo post-1945 insomma.

  5. Pilpotis ha detto:

    Non ho mai approfondito questi temi e ringrazio per l'articolo e per i commenti.
    Sono contento di imparare che i tedeschi e i Hitler non erano "mostri disumani" … dentro di me non c'ho mai creduto del tutto, nonostante la propaganda fosse assolutizzante.
    Da quando poi ho scoperto le mie radici germaniche (sono veneto e non italiano) riscoprendo la storia dal Paleolitico ai nostri giorni, guardandomi dentro non posso credere che i fratelli germani tedeschi fossero delle "terribili bestie disumane e più disumane di tutti gli altri uomini".
    Anche Hitler comincia a starmi simpatico, Mussolini no!

  6. Ales ha detto:

    Le colpe e le responsabilità di Washington per avere causato la WW2 insieme a Londra e Parigi, e per aver guerreggiato illegalmente (era neutrale) e contro la famosa volontà popolare, sono bene analizzate anche in fonti di sinistra. Per gli inglesi, a parte il sotto-esercito che finì a combattere il “pericolo giallo” ed era schedato come Mosleyano, mi dicevano dei reduci d’Africa di diserzioni inglesi anche nel 1943 a favore dell’Asse, ma la cosa mi è stata detta in questo modo, non è sicura. Il suo livello è sì da sussidiario delle elementari, unito poi alla presunzione e in questo sito…va bene, pluralismo, se è contento così.. Indipendenza USA? non ho parole, fantasie da Rai minoli. Washington e NY, anche nel 1914, non centrano niente col Midwest tedesco, oggi si parla di una futura se non guerra civile nordamericana, del famoso futuro sfascio. Ebrei:mah…nella sola Berlino sono stati nascosti dalla deportazione (fase della radicalizzazione, anche i NS moderati non erano tutti d'accordo) migliaia dei famosi ebrei per cui i tedeschi dicevano "almeno un paio ne conosco di ok".

  7. Ales ha detto:

    In Polonia, Ucraina, ecc. nessuno ha mosso un dito per gli ebrei locali e non, erano addirittura ammazzati dai partigiani polacchi e ucraini. Vuole scremare i pochi tedeschi tra le guarnigioni ucraine e baltiche che sorvegliavano gli ebrei? Sa quanti erano i tedeschi tra Sobibor, Treblinka e Belzec? Io ho conosciuto una ebrea berlinese stata nascosta dalla rete clandestina (1996) e che conosceva anche dei NS militanti, e di Linz un NS anche con incarichi che aveva sposato una ebrea-senza divorzio.

  8. Italians ha detto:

    Mah.. interessante discussione. Resta il fatto che se una persona decide 100 cose , ne sbaglia 80 , ne azzecca 10 e altre 10 non influiscono sull’obiettivo, rimane un incapace .
    Hitler ha fatto sì cose buone come stratega militare, ma la sua lucida follia narcisistica l’ha portato a far collassare quella che poteva essere la più grande potenza europea. A proposito di fonti: secondo alcuni archivi desecretati ultimamente dagli Alleati, Hitler poteva benissimo essere ammazzato 2 anni prima della fine del conflitto ( sapevano dove si trovava la “Tana del Lupo” ) ma non provarono nè a bombandarlo nè a mandarci dei commando, in quanto con Hitler al potere ( e la Sua folle strategia) gli Alleati volevano annullare una possibile futura grande potenza mondiale. Sì, perché sapevano bene che all’interno delle alte sfere militari tedesche c’erano persone che volevano un armistizio con gli alleati QUI: http://canzoniitaliane.blogspot.com

  9. gino ha detto:

    Ritengo che per tutta la guerra la Germania non avesse minimamente una visione strategica della guerra, ma solo tattica. Infatti, nel 1939 NON era ancora pronta ad un guerra, credendo che Francia ed Inghilterra non sarebbero intervenute, come in effetti non intervennero praticamente. La Wermacht era impostata solo per una guerra tattica ( vedi la carenza di automezzi militari e la scarsa autonomia degli aerei). La Luftwaffe NON poteva vincere la Battaglia di Inghilterra dato che non aveva la necessaria autonomia per operare in profondità nel territorio inglese, ma poteva benissimo avere la supremazia assoluta sul Canale della Manica e permettere l’Operazione Leone Marino. Un intervento della Home Fleet in un così ristretto canale sarebbe stato un perfetto suicidio per la flotta. Occupata la Gran Bretagna o la guerra sarebbe immediatamente terminata o l’URSS sarebbe stata messa fuori gioco facilmente. Invece, la mancanza di una vera strategia, che ha comportato, sul fronte russo, lo spostamento di interi Corpi d’Armata da un fronte all’altro ha impedito dapprima l’occupazione di Leningrado, con lo spostamento del Corpo Corazzato a Sud, la conquista di Mosca, poi, spostando l’attacco in Ucraina, per poi tornare nuovamente, ma troppo tardi, ad attaccare nel fronte centrale. Il grande Rommel era uno splendido Tattico ma un pessimo Stratega. Riscrivere la Storia sarebbe troppo lungo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *