An Comunn Mòr. Traditional Irish Music

Il gruppo è nato come trio a Genova nel 1991 con il nome Mag Mór. Nel corso degli anni si è evoluto ed ha cambiato alcuni elementi fino a quando nel ’99 ha raggiunto l’attuale formazione con il nome di “An Comunn Mòr”, che in gaelico significa “grande comunità”, termine scelto dal gruppo per rispecchiare il senso di comunione tipico tra i musicisti nella musica celtica.

Antonio Vivaldi, Folk inglese e musica celtica La caratteristica principale del gruppo è sempre stata quella di proporre e ricercare nell’ambito della musica tradizionale sia irlandese che scozzese, la matrice popolare, reinterpretandola in modo personale anche con l’inserimento di brani originali. Il gruppo ha sempre avuto cura di proporre, con il proprio repertorio, tutta la diversità di ritmi delle danze di Scozia e Irlanda, Bretagna e Galizia.

I Comunn Mòr hanno preso parte a numerosi festival di musica irlandese in Liguria, Piemonte, Val d’Aosta, Toscana, Emilia Romagna, Lombardia e si sono esibiti nei principali locali musicali di Genova e della Riviera ligure. Nel 2000 e nel 2003 partecipano con un brano alla compilation n. 2 e n. 27 di Celtica, distribuita a livello nazionale dalle Edizioni Trentini. Nel 2003 lavorano in studio al loro primo CD dal titolo “Mag Mór” dove partecipano tutti i musicisti che hanno collaborato nel corso degli anni al gruppo, lavoro che esce nell’aprile 2004 per l’etichetta Ethnoworld, distribuzione europea.

Comunn Mor Edmondo Romano tin whistle – low whistle – cornamusa

Polistrumentista, nel 1985 ha fondato il gruppo progressive-sperimentale Eris Pluvia con il quale nel ‘90 incide Rings of eartly light per l’etichetta francese Musea, seguito da numerosi concerti in Italia e in Francia. Nel 1992, abbandonata la formazione, ha creato il progetto acustico The Ancient Veil. Nel 1993 fonda il gruppo tutt’ora attivo di musica etnica Avarta con il quale ha realizzato diverse colonne sonore e CD ed intrapreso molti concerti in Europa rappresentando l’Italia della cultura (“Terre” nel 1998; “Cocci di mare” nel 1999 per la rivista World Music; “Avarta” nel 2004 per l’etichetta Inmoslight). Alla fine del 1995 ha realizzato il CD Ancient Veil ed ha partecipato a numerose registrazioni per l’etichetta Mellow Records. Agli inizi del 1996 ha fondato il gruppo di musica irlandese Singing Pub con cui ha svolto un’intensa attività concertistica; nel 1997 si è unito alla formazione Charta de Mar con cui ha realizzato il CD “Il gioco dell’angelo” per Il Manifesto. Nel mese di giugno è entrato a far parte del gruppo di musica tradizionale piemontese Le Vijà, guidato da Maurizio Martinotti e nel 1999 partecipa al CD “Stria” di Filippo Gambetta pubblicato dall’etichetta Felmay. Nel 2001 entra a far parte dell’Orchestra Bailam, formazione yiddish che nello stesso anno incide “Bailamme” per la rivista World Music. Attualmente milita in diverse formazioni: Bandabandiani, Vittorio de Scalzi, Armando Corsi, Federico Sirianni & Molotov Orchestra, ha lavorato per molti spettacoli teatrali con il Teatro della Tosse ed ha registrato decine di dischi tra cui quello di Mario Arcari, Giampiero Alloisio, Tony Esposito, numerose colonne sonore per cinema e TV con Pivio e Aldo De Scalzi.

Filippo Gambetta organetti

Inizia lo studio dello strumento a 13 anni sotto la guida di Riccardo Tesi. Si è esibito per tre anni con il gruppo La Rionda con il quale ha preso parte ad importanti rassegne europee. Ha collaborato con Max Manfredi, con il gruppo Echo Art, l’Orchestra Regionale Ligure di Strumenti a Plettro diretta dal maestro Carlo Aonzo, con il violinista canadese Oliver Schroer e la statunitense Sandra Wong, suonatrice di nychelharpa, con Vincenzo Caglioti e Remy Boniface in trio di organetti e con il padre Beppe Gambetta in numerose tournèe. Nel 2000 realizza il cd Stria e nel 2003 il cd Pria Goaea, entrambi per l’etichetta Felmay. Nel 2001 rappresenta l’ Italia al meeting Folk Alliance di Vancouver, vince il primo premio del Green Age Festival e il secondo premio del contest di Kaustinen in Finlandia. Ha suonato in diversi cd: Italian Cats (Red Wine), Serenata (Beppe Gambetta e Carlo Aonzo), A million stars (Oliver Schroer), L’intagliatore di santi (Max Manfredi). In trio con Claudio de Angeli e Riccardo Barbera, proponendo composizioni proprie, si è esibito in numerosi festival folk tra cui: Edmonton folk festival, Festival d’Eté, Calgary folk festival, Vancouver folk festival, Festival Vancouver, Winnipeg folk music festival, Biberach Musikfruhlings, Roots and blues festival. Ha composto musica per il Teatro della Tosse (Noi che sempre navighiamo) ed il Teatro Modena (Monologo di Isabel mentre vede piovere su Macondo) di Genova.

Noirin Ni Riain, Anima celtica. Canti mistici dell'Irlanda. Con CD Audio Claudio De Angeli chitarra acustica

A diciassette anni prende le prime lezioni da Bambi Fossati. Con il Maestro Paolillo approfondisce gli standard jazz ed abbraccia la musica acustica studiando con Beppe Gambetta. Comincia a suonare con musicisti di genere blue grass e studia la tecnica fingerpicking. Frequenta la scuola di musica diretta dal Maestro Armando Corsi, dedicandosi anche allo studio della chitarra elettrica. Nel 1988 suona presso la band di rock’n’roll Small Town. Fonda il gruppo Sonora. Attualmente è anche impegnato con Filippo Gambetta, con il quale ha partecipato all’incisione di due album per l’etichetta Felmay (Stria nel 2000 e Pria Goaea nel 2002) e si è esibito in diversi festival in Canada, Germania, Finlandia, tra cui Lithos, Edmonton folk festival, Festival d’Eté, Calgary folk festival, Vancouver folk festival, festival Vancouver, Winnipeg folk music festival, Passaggi di Confine, Biberach musikfruhlings, Roots and blues festival, ArtisticaMente.

Alessandro Bersezio bodhrán – spoons – bones

Da otto anni è impegnato nello studio della musica celtica tradizionale, che ha approfondito con metodo nei suoi viaggi in Irlanda. Ha accompagnato al bodhran diversi gruppi in Italia, suona anche le tradizionali ossa (bones) e i cucchiai (spoons), strumenti prettamente irlandesi. Apprezzato strumentista, ha avuto l’onore di suonare con il percussionista dei Flook, John Joe Kelly (considerato uno dei più bravi bodhran player al mondo). Seguendo l’ispirazione trovata con la musica irlandese, nell’aprile 2002 pubblica un libro dal titolo Luna Celtica, Edizioni Liberodiscrivere; sempre in ambito letterario si è classificato tra i finalisti del 9° Festival Internazionale di Poesia Genova 2003 patrocinato dal Comune di Genova e GENOVA 04 con la poesia dal titolo Gan Ainm inserita tra l’altro nel libro La Città dei Poeti II Edizione, Ed. Liberodiscrivere.

Performances di rilievo:

• Irlanda in festa, Palasport di Genova, 1995;
• Partecipazione a servizi televisivi della RAI (1996/1997);
• Fleadh di San Patrizio, Expo, Genova 1997;
• Festival Celtico d’Aosta, 1997;
• Festival Guinness, Milano, 1998;
• Festival di musica celtica Nei Castelli, Campo Ligure, 1998;
• Etnia Immaginaria, Spotorno, 1999;
• 1°,2°,3° Festival Folk Ligure-Piemontese dal 2000 al 2002;
• Lesiona Estate Rassegna musicale Ratataplan 15 e 24 luglio 2000;
• Musica a Voltaggio, luglio 2000;
• 3° Festival del folk celtico, Ass. Cult. L’Alpe Lunata dal 7 al 13 agosto 2000 Selva di Serramazzoni (Mo);
• Apertura del concerto dei Modena City Ramblers al Palalido di Milano nella rassegna del Festival di St.Patrizio, marzo 2001;
• Comune di Osio Sotto, Rassegna Musicale di primavera 2° edizione MUZIKA, 21/04/2001;
• Espaceloisirs-Lapalud-Rhemes St.Georges; 16 luglio 2001, Aperturtura del Teatro “Remo Pellissier”;
• Concerti nei pub di Lugano (Svizzera) 2001;
• Associazione Culturale Sondalo, Il Cerchio Celtico, Capodanno Celtico 31/10/2001;
• Dinner Music Al San Francesco- Orvieto, febbraio-marzo 2002-04-20;
• St. Patrick Day, Teatro Saschall di Firenze (in cartellone con Modena City Ramblers, Strawbs, Sharon Shannon) 16/03/2002;
• Festival Celtico di Ferragosto, Tiglieto (Genova) 2002, con Leo MacCann & Chris Driver;
• Artistrada, 9° Edizione del Festival Internazionale Artisti di strada, Colmurano (Macerata), 2/7/’03;
• Creative Music Parade, Manifestazione organizzata dal Centro Studi Musicali “Stan Kenton”, Sanremo (Imperia), agosto 2003;
• Notti celtiche, comune di Perinaldo, 2 – 3 agosto 2003;
• 2° Harvest Home Festival, San Cesareo (Roma), 18-19-20-21 settembre 2003.

Contatti:

Edmondo Romano – Viale Calasanzio 18 – 16152 Genova – cell. 347.9020430 – tel. 010.6018492 e-mail: edmondo.romano@fastwebnet.it
Filippo Gambetta – Via Canneto il lungo 9/6° – 16123 Genova – cell. 339.7836796 – tel. 010.256520 e-mail: cinqueottavi@hotmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.