La crociera e la fine della corazzata «Bismarck» (18 – 27 maggio 1941)

Francesco Lamendola

Francesco Lamendola, laureato in Lettere e Filosofia, insegna in un liceo di Pieve di Soligo, di cui è stato più volte vice-preside. Si è dedicato in passato alla pittura e alla fotografia, con diverse mostre personali e collettive. Ha pubblicato una decina di libri e oltre cento articoli per svariate riviste. Tiene da anni pubbliche conferenze, oltre che per varie Amministrazioni comunali, per Associazioni culturali come l'Ateneo di Treviso, l'Istituto per la Storia del Risorgimento; la Società "Dante Alighieri"; l'"Alliance Française"; L'Associazione Eco-Filosofica; la Fondazione "Luigi Stefanini". E' il presidente della Libera Associazione Musicale "W.A. Mozart" di Santa Lucia di Piave e si è occupato di studi sulla figura e l'opera di J. S. Bach.

Potrebbero interessarti anche...

5 Risposte

  1. raffaele perini ha detto:

    articolo e recensione molto belli e oieni di qualità narrative. Posso soko aggiungere
    che con la marina Britannica, in altre occasioni ed altri teatri bellici, e quella
    statunitense cìera poco da fare. Non per nulla per circa tre secoli hanno dominato
    il mondo.

  2. alfredo ha detto:

    Relazione informatissima,da esperto navale, con una prosa avvincente ed emozionante.Bravo, Signor Francesco Lamendola, glielo dice uno che è appassioonato alle vicende della Seconda Guerra Mondiale.
    Alfredo Casalgrandi-Insegnante in pensione.(Disegno e Storia dell’Arte)

  3. Pier Giorgio ha detto:

    Conoscevo già la storia della Bismarck e con questa relazione ho ampliato la mia conoscenza: un reverente pensiero a tutti marinai caduti in quello scontro fra giganti.

  4. Kishore Candio ha detto:

    Splendida e documentatissima narrazione! Complimenti. Solo un piccolo lapsus o refuso di stampa: la foto 2 mostra la poppa e non la prua.

  5. Pier Giorgio ha detto:

    Grazie per le altre notizie molto interessanti sulla distruzione della Bismarck

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *