La Città Eterna ha un secolo in più

Andrea Carandini, La nascita di Roma. Dèi, lari, eroi e uomini all'alba di una civiltà (2 vol.) Da Virgilio in poi, non sono frequenti i libri che terminano con la fondazione di Roma. L’argomento in sé è però divenuto materia di interesse via via per mitografi, storici, filologi, linguisti, archeologi. E col passare dei secoli le varie scienze hanno approfondito i solchi che le separano, portando frequentemente a una nociva settorialità degli studi, tanto da non consentire una visione panoramica del tutto soddisfacente.

Con Le origini di Roma. Dèi, lari, eroi e uomini all’alba di una civiltà, pubblicato per la prima volta da Einaudi nel 1997 e recentemente riproposto in una nuova versione, il prof. Andrea Carandini dell’Università «La Sapienza» ha dato vita a una mirabile opera di sintesi interdisciplinare. La tesi portante del corposo libro (due volumi per oltre ottocento pagine complessive) sta nella retrodatazione, di almeno un secolo rispetto alla vulgata corrente, dell’epoca di fondazione dell’Urbe. Il mito romuleo e la stessa data tradizionale (il famoso 21 aprile del 753 a.C.) non sarebbero dunque ricordi troppo deformati, e la venuta di quegli “Aborigeni” che avrebbero poi costituito parte determinante della popolazione della Roma primeva avrebbe precise analogie nella coeva “migrazione dorica”, avvenuta similmente da Nord verso Sud nel panorama balcanico-egeo.

Andrea Carandini, Remo e Romolo. Dai rioni dei Quiriti alla città dei Romani (775/750 - 700/675 a.C. circa) Un elemento di grande interesse del saggio è l’attenzione rivolta allo studio dei miti, della religione arcaica e delle leggende, intesi (anche) quali testimonianze di ricordi storici. Osservando da questa prospettiva, pur se riconoscendo il carattere essenzialmente “atemporale” del mito, l’Autore riesce a dimostrare una serie di stratificazioni e sovrapposizioni cultuali, appoggiando molte delle sue tesi su un’imponente materiale bibliografico. Si rende evidente come il connubio tra studio storico delle religioni e archeologia produca buoni frutti, e tanto più quando, come ne è il caso per l’opera di Carandini, a ciò si unisca una spiccata vivacità intellettuale.

Anche la comparazione indoeuropea, cui purtroppo l’Autore presta attenzione in modo non sistematico, potrebbe certo fornire utile materiale per un migliore approfondimento delle tesi esposte. L’augurio è che in questa direzione possa svilupparsi la prossima edizione de La nascita di Roma, che è senza dubbio il libro a tutt’oggi più significativo per chi voglia studiare le affascinanti origini della Città Eterna.

* * *

Andrea Carandini, La nascita di Roma (2 voll.), Einaudi, Torino, € 40,00 (IBS) (BOL) (LU).

Tratto da Il Tempo del del 29 febbraio 2004.

Segui Alberto Lombardo:
Alberto Lombardo è stato tra i fondatori del Centro Studi La Runa e ha curato negli anni passati la pubblicazione di Algiza e dei libri pubblicati dall'associazione. Attualmente aggiorna il blog Huginn e Muninn, sul quale è pubblicata una sua più ampia scheda di presentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.