Volontari italiani nelle divisioni Waffen SS

Panzergrenadiere della divisione SS Hitlerjugend sul fronte di Normandia

Jean Mabire, Panzers SS dans l'enfer normand

Oltre che nella 24a divisione Karstjaeger e nella 29a divisione Italien, molti altri italiani furono inquadrati in varie divisioni SS dopo l’8 settembre. Per ordine personale di Hitler, tutte le unità tedesche furono autorizzate a reclutare volontari italiani, soprattutto i membri della Milizia. Nel settembre del 1943 in Italia erano presenti alcune formazioni della Waffen SS, prime tra tutte la Leibstandarte Adolf Hitler richiamata dal fronte dell’est. Almeno 300 militari italiani, vennero arruolati subito dopo l’8 settembre nella 1a divisione SS. I comandanti tedeschi gradirono molto la presenza degli italiani nella loro formazione, al fine di utilizzarli come autisti e meccanici per la manutenzione e l’utilizzo dei tanti automezzi di origine italiana sequestrati. Questi italiani seguirono la Leibstandarte in Ucraina, nel novembre 1943, partecipando ai duri combattimenti contro le formazioni sovietiche. Nel marzo del 1944 una cinquantina di superstiti accettarono di rientrare in Italia per essere aggregati alla Legione SS italiana. Questi reduci dal fronte russo della Lah ebbero il privilegio di continuare a portare le mostrine nere con la doppia runa delle SS, a differenza degli altri membri della SS italiana che avevano le mostrine rosse. Un’altra cinquantina di italiani della Lah vennero assegnati nella primavera del ’44 alla 12a divisione Hitlerjugend, finendo a combattere in Normandia. Una decina di superstiti della HJ fecero ritorno in Italia solo nel gennaio del ’45.

Anche nella 16a divisione SS Reichsfuhrer, che operò sul fronte italiano, vennero arruolati circa un centinaio di italiani nelle unità di supporto e amministrazione.

In Grecia, la 4a divisione SS Polizei arruolò alcune centinaia di italiani della milizia e dell’esercito nell’area intorno a Volos. Inizialmente i volontari continuarono a portare l’uniforme italiana venendo impiegati principalmente nelle unità di supporto della divisione. La 2a compagnia di sanità della Polizei era composta interamente da autisti italiani. Gli appartenenti alla milizia vennero invece impiegati nei reparti combattenti: nel 7° reggimento Panzer Grenadier della divisione operò fino all’autunno del 1944 nell’area intorno a Larissa, un’intera compagnia di camicie nere (circa 180 uomini) denominata La Compagnia Camicie Nere L’Aquila. Con altre camicie nere venne organizzato un Gruppo d’artiglieria.

Massimiliano Afiero, Nordland: i volontari europei sul fronte dell'est In Jugoslavia, un migliaio di italiani vennero aggregati alla 7a divisione SS Prinz Eugen. Un altro centinaio di italiani, della divisione Lombardia ed in particolare del XXXI° battaglione carri, finirono invece nella 11a divisione SS Nordland, mentre era dislocata in Croazia nel settembre 1943. La maggior parte degli italiani vennero impiegati nei reparti corazzati, dal momento che erano stati sequestrati dalla divisione molti carri italiani. Nel dicembre ’43, quando la Nordland venne trasferita sul fronte russo, i volontari italiani vennero trasferiti in Italia.

Circa 500 volontari italiani, provenienti dai reparti dislocati in Francia dopo l’8 settembre, vennero arruolati nella 17a divisione SS Götz Von Berlichingen, grazie all’attività propagandistica del cappellano militare Padre Eusebio. La divisione agli ordini dell’Oberführer Ostendorff era in corso di costituzione nei pressi di Tours. Così molti italiani si ritrovarono con la divisa SS a combattere contro gli alleati in Normandia nel giugno 1944. La divisione perse la metà dei suoi effettivi durante i combattimenti: i volontari italiani, circa un centinaio, rientrarono in Italia, e vennero aggregati alla Legione SS italiana e al Reggimento Paracadutisti Folgore. A testimoniare la presenza degli italiani nella 17a SS, giunse nel febbraio del ’45 a Mussolini un telegramma di saluto: “Oggi più di ieri i volontari italiani inquadrati nella Divisione SS Götz Von Berlichingen riaffermano la loro immutabile fede in Voi. Dall’ottobre 1943 i volontari delle SS sul fronte d’invasione in terra di Francia hanno saputo mostrare col sangue il loro attaccamento alla causa fascista e molti sono caduti, ma i vivi continueranno a marciare sulla strada indicata loro dai morti: Italia. Firmato: Raffaele Acurzio”. La divisione in quel momento era sul fronte della Lorena e stava ripiegando nel Palatinato sotto la pressione delle forze americane.

Autori Vari, Repubblica Sociale Italiana 1943-1945. Dai soldati della R.S.I. alle generazioni del domani Anche nella 28a divisione SS Wallonie, del mitico Leon Degrelle, vennero impiegati un centinaio di volontari italiani. Si trattava per lo più di nostri connazionali che erano nati in Belgio o si trovavano lì per motivi di lavoro. Nel dicembre ’44 una cinquantina di essi, insieme con una decina di spagnoli, chiesero di poter essere trasferiti in Italia nella Legione SS italiana. Degrelle acconsentì e nel gennaio ’45 il gruppo italo-spagnolo giunse a Rodengo-Saiano al battaglione addestramento di Alois Thaler.

Un altro centinaio di volontari italiani già inquadrati nella Legione SS italiana, inviati a Praga per seguire un corso di specializzazione come Panzer Grenadier, vennero per l’evolversi degli eventi, inquadrati nella 10a divisione SS Frundsberg. La maggior parte di loro finì dispersa nei combattimenti sul fronte dell’Oder nel febbraio ’45.

Queste sono le notizie frammentarie circa la presenza dei nostri connazionali nelle formazioni SS. La cosa triste, è che nei libri di memorie e nei diari di guerra delle formazioni sopraindicate non si trovano tracce della presenza dei volontari italiani. Noi cercheremo di approfondire l’argomento, avendo attivato presso i maggiori archivi di tutto il mondo le ricerche sull’argomento. Ovviamente invitiamo tutti i lettori, ma soprattutto qualche reduce o suo parente a fornirci informazioni e testimonianze.

Granatieri della 17^ Divisione SS 'Hitlerjugend' in Normandia

Tratto da Volontari n. 2 (gennaio/febbraio 2005).

Segui Massimiliano Afiero:
Massimiliano Afiero nasce ad Afragola (Napoli) nel 1964. Insegnante di informatica ma soprattutto appassionato studioso del secondo conflitto mondiale, ha pubblicato numerosi articoli sulle principali riviste di Storia a diffusione nazionale, come Storia del XX Secolo, Storia e Battaglie, Storia del Novecento, Raids e Milites e collabora attivamente con numerosi siti web a carattere storico-militare. Dal novembre 2004 è Consulente storico e Direttore Tecnico della rivista Volontari, bimestrale dedicato esclusivamente alla storia delle formazioni della Waffen SS. Dal maggio 2008 Caporedattore della rivista bimestrale SGM (Seconda Guerra Mondiale) pubblicata dall'Editoriale Lupo.

37 Responses

  1. joya j
    | Rispondi

    Monika, Franz Balestrino non è affatto morto vecchio nella selva… è ben vivo, un ragazzaccio tuttora bellissimo e amatissimo…e tutta la sua vita è stata e sarà di uomo eccezionale… si è commosso molto a leggerti e ti ringrazia

  2. eros
    | Rispondi

    uomini come questi anno salvato l’onore d’italia specialmente la charlemagne che difesero berlino e le porte di europa fino alla morte dalla invasione barbarica onore alla loro memoria

  3. PAOLO 68
    | Rispondi

    Mi unisco a tutti voi. Onore a tutti coloro che hanno combattuto, sotto le insegne delle SS e della R.S.I. Le scelte fatte da questi uomini più o meno giovani di allora,sono onorevoli. A testa alta e senza nascondersi dietro paraventi politici di comodo. Forse la vera Europa unita c’era allora. Le Waffen SS ne sono una dimostrazione.

  4. Mauro bersagliere di' Italia
    | Rispondi

    Onore ai camerati europei che non hanno esitato a sacrificare la propria vita per gli ideali comuni, fedeli al giuramento prestato. ONORE, CORAGGIO e FEDELTA’. Onore alle Waffen SS e agli Italiani che vi militarono. Onore a tutti i soldati della RSI, giovani eroi dimenticati.
    Onore a mio Padre volontario sedicenne e primo ad arruolarsi con i camerati germanici.per l’ Onore di’ Italia. Non moriremo mai se ci si ricorderemo di loro.

  5. Guido
    | Rispondi

    Tra coloro che si arruolarono volontari nelle divisioni Waffen SS, mi sembra doveroso ricordare l’indologo, orientalista ed esoterista italiano Pio Filippani Ronconi. Un alto esempio di eroismo, spiritualità, onore, rango ed aristocrazia.

  6. franco
    | Rispondi

    io ho un antennato che a fato servizio nelle SS tedesche.mi piacerebbe saperne di più di cognome Balestrino .

    • Odoardo
      | Rispondi

      Balestrino fu´ arruolato a Como nel presidio comandato dal capitano fiorentino Leale martelli

  7. franco
    | Rispondi

    non capisco perché certe persone non vogliono parlarne. penso che faccia parte della storia italiana! o no??

  8. Livio. Carite
    | Rispondi

    La guerra si puo vincere o perdere ma l onore che i combattenti delle waffen SS italiane e la RSI HANNO ONORATO LA LEGGE SACRA DELLA FEDELTA E DELLA PAROLA DATA meritandosi il rispetto del generale usa Eisenower che ha tacciato invece di TRADITORI I COLLIGERANTI CHE HANNO POI GENERATO QUESTA ITALIA PATETICA SENZA VALORI MORALI E TRADITRICE. ONORE PER SEMPRE ALLE WAFFEN SS E AI COMBATTENTI DELLA RSI a DEGRELLE A BORGHESE A PIO RONCONI E A TUTTE LE MIGLIAIA DI COMBATTENTI DELL ORDINE EUROPEO

  9. roby
    | Rispondi

    avevo un parente che fece parte del DEBICA vorrei sapere come risalire un certo RESTELL

    • Ricordi
      | Rispondi

      Debica era il battaglione di un certo Guido Fortunato ma di quel Restell non sembra esserci alcuna traccia in rete.

      Grazie Roberto.

  10. Ricordi
    | Rispondi

    Leale Martelli sembra fosse sparito nel nulla. Vi sono pure altri della divisione Como che sono spariti come Leale?

    • Tito
      | Rispondi

      Sparito,ma forse non ancora morto,dato che la sua data di morte risulta sconosciuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.