Noi, Celti e Longobardi

Nel 1997 Gualtiero Ciola pubblicava un’opera, poi ristampata, che costituiva un originale punto di riferimento per un’adeguata considerazione delle origini etniche dei popoli italiani. Nel suo corposo studio Noi, Celti e Longobardi, Ciola analizza le testimonianze archeologiche e linguistiche che hanno segnato il territorio della penisola italica, fornendo utili indicazioni per seguire nuovi percorsi di ricerca.

Il libro di Ciola è un’opera dal carattere decisamente militante che vuole mostrare le tracce lasciate, soprattutto nei territori settentrionali della penisola, da popolazioni di origine celtica e germanica. Si tratta quindi di un testo particolarmente importante per favorire la ricostituzione di una coscienza identitaria dei popoli padani. Infatti la classe dirigente italiana, soprattutto nell’ultimo mezzo secolo, ha utilizzato massicci flussi migratori di meridionali e di extracomunitari con l’intento di sottoporre la Padania a un processo di denordizzazione che rischia di cancellarne per sempre l’identità etnica.

In una vera e propria controstoria dell’Italia etnica, Ciola col suo libro indica la via della liberazione dai tabù e dai pregiudizi che vengono inculcati dalla cultura di regime, particolarmente insistente nel contesto del mondialismo.

A partire dal secondo millennio a.C. si verifica l’irruzione nella penisola italica di genti ariane che segneranno in modo indelebile le culture del territorio, sebbene a macchia di leopardo, come Ciola mostra nel suo libro. La differenza più evidente fra i nuovi venuti e le popolazioni preesistenti è nel fatto che gli Indoeuropei si caratterizzavano per i culti solari e patriarcali, mentre gli autoctoni celebravano culti matriarcali riferiti alla Madre Terra. Gli Etruschi sono probabilmente gli eredi dei culti matriarcali, anche se la civiltà etrusca fu di gran lunga la più avanzata fra quelle italiche delle origini, e assorbì elementi culturali di civiltà indoeuropee, soprattutto di quella greca.

L’espansione etrusca nella pianura padana venne subito fermata dai Celti che si affermarono in tutta la zona lasciando un vasto patrimonio di toponimi nonché di parole che sono arrivate fino all’italiano moderno. Ciola elenca in tavole apposite una lunga serie di lemmi di origine celtica, di cui i dialetti padani sono letteralmente infarciti. Proprio per cancellare queste tracce di cultura nordica la classe dirigente italiana ha sempre cercato di oscurare le culture dialettali, soprattutto settentrionali, sia col regime liberale, sia con quello fascista, soprattutto con quello democristiano, e ancora di più con l’attuale sistema mondialista. Assai più ampia tolleranza, invece, è stata mostrata verso i dialetti meridionali…

La parte nord-orientale della penisola era abitata dai Veneti, popolazione di origine indoeuropea che l’autore ritiene ascrivibile anch’essa all’ethnos celtico. Si tratta di una questione storiografica ancora dibattuta, sulla quale Ciola propone numerosi spunti di approfondimento.

Molte feste popolari sono chiaramente ispirate alle feste solstiziali celebrate dai Celti, e talune sono state cristianizzate, come la festa della Candelora, che originariamente era la festa della dea celtica Brigit.

Purtroppo in Italia è sempre esistito un malanimo anticeltico che risale ai tempi dei Romani e che si è perpetuato nel Risorgimento e nel fascismo, che hanno cercato di inculcare l’idea di un’Italia “schiava di Roma”: un dogma che ancora oggi viene propagandato dai governi italiani, con l’aggravante del mondialismo, di cui la classe politica è totalmente succube.

Un altro momento importante per la formazione delle identità etniche italiane è l’arrivo dei Germani col crollo dell’Impero Romano. L’invasione dei “Barbari” rappresenta un significativo apporto di sangue nordico nella penisola: i Germani si caratterizzavano per un solido senso della stirpe e per una più accentuata divisione in caste della società. Tuttavia nessuna tribù germanica riuscì a dare un assetto stabile al territorio, aprendo la strada alla riconquista bizantina e alla formazione del territorio pontificio.

L’invasione longobarda fu l’ultima occasione di instaurare un regno “nordico” in Italia. La questione, com’è noto, fu ampiamente dibattuta al tempo del Risorgimento, suscitando l’interesse anche di personalità importanti come Alessandro Manzoni. Sta di fatto che la strenua resistenza bizantina, la diplomazia papale e l’intromissione dei Franchi resero impossibile ai Longobardi la conquista dell’Italia.

Tuttavia l’apporto culturale longobardo ha lasciato tracce significative in numerosi vocaboli, nei toponimi, nonché nelle caratteristiche razziali soprattutto nel Nord Italia e in Toscana.

La diffusione dei Longobardi in Toscana ha dato origine anche a particolari teorie sul Rinascimento. Lo studioso tedesco Ludwig Woltmann sosteneva che il Rinascimento, che ebbe in Toscana la sua sede privilegiata, era un fenomeno essenzialmente nordico: un’aspirazione alla libertà e alla curiosità intellettuale che è molto meno sentita nelle culture mediterranee. In effetti l’arte toscana di quell’epoca presenta caratteri assai poco meridionali: simbolo del Rinascimento fiorentino sono le Grazie e la Venere del Botticelli, che hanno un aspetto decisamente ariano!

L’ultima parte del libro passa in rassegna tutte le regioni italiane delineandone la composizione etnica che è chiaramente celtico-germanica al Nord, con un consistente apporto celtico nelle Marche e con influenze umbre che, secondo Ciola, sono da far risalire a elementi proto-celtici. L’elemento etrusco è diffuso al Centro, ma in Toscana è frammisto a una consistente presenza longobarda. Nel Sud, invece, nonostante alcuni insediamenti longobardi e normanni, durarono a lungo le occupazioni musulmane, e ancor oggi prevalgono elementi di origine meridionale e levantina che determinano le tipiche caratteristiche psicorazziali della popolazione locale.

Il saggio di Ciola è opera di notevole erudizione, ricca di indicazioni che possono essere utili anche in ambito accademico, ma soprattutto è un invito a non dimenticare i valori delle culture nordiche che hanno segnato per tanti secoli la nostra civiltà: la sete di libertà, l’aspirazione alla giustizia, la fedeltà alla parola data, il coraggio, il senso dell’onore…

Si tratta di espressioni che rischiano di scomparire dal vocabolario, in un contesto come quello del mondialismo, dove dominano la menzogna, l’inganno, la truffa, il doppio gioco: gli ingredienti della società multicriminale.

Noi, Celti e Longobardi è un libro che ha il sapore di una boccata di aria fresca nell’ambiente asfittico della cultura ufficiale, e ha potenzialità dirompenti per la mentalità dominante, bigotta e conformista al di là di ogni ragionevole immaginazione.

* * *

Gualtiero Ciola, Noi, Celti e Longobardi, Edizioni Helvetia, Spinea (VE) 2008, pp.416, € 27,00.

Segui Michele Fabbri:
Michele Fabbri ha scritto il libro di poesie Apocalisse 23 (Società Editrice Il Ponte Vecchio, 2003). Quella singolare raccolta di versi è stata ristampata più volte ed è stata tradotta in inglese, francese, spagnolo e portoghese. Dell’autore, tuttavia, si sono perse le tracce… www.michelefabbri.wordpress.com
Ultimi messaggi

15 Responses

  1. burro
    | Rispondi

    il problema di certe popolazioni, è il segunte: che cosa hanno lasciato ai posteri? Nulla.
    Punto. Tutto qua. Con i discorsi che ho letto che spesso sfociano quasi nel ridicolo, si dovrebbero ricercare anche i nostri antenati pre sapiens.
    Ma siccome erano limitati, han lasciato poche tracce.
    Lo stesso le popolazioni a Nord. O meglio nel Veneto. Che, come si può notare a tutt’oggi, ha un modo particolare e tutto suo di vedere, vivere e pensare.
    Si in effetti, non li considero della mia stessa “razza”.
    Se noi discendiamo da Etruschi (Turchi? no perchè…nessuno lo dice, ma così par sia)
    o dai Celti (che diciamocela tutta…gli etruschi già facevano opere d’arte orafa, e questi facevano capanne), che problema c’è ad ammettere che una parte era meno sviluppata e quindi, per forza, meno interessante e meno intuitiva da capire e studiare?
    Se gli altri a Nord, hanno da tenre a mente tre tribù, quattro insiediamenti, mentre più giù ci sono Colessei e Tombe, qual’è il problema?
    Scomodare etnie, lingue, politica…posso dire che ognuno ha gli antenati che si merita? No. Non posso e non volgio. Ma, a volte….
    Detto questo: ne sentite la mancanza? anche a me piace la cosa e la seguo. Non c’è scritto da nessuna parte che sia vietato. Fatelo. Senza scomodare certi discorsi di ampio, eppure corto, respiro razziale.

  2. Matteo
    | Rispondi

    Leggo con grande ilarita’ che si fanno distinzioni tra chi vive al di sotto dell’Appenino tosco emiliano e quelli piu su… Oppure che il Toscano e’ una lingua romanza orientale.
    A parte che il toscano e’ catalogato cosi’ per comodita’ perche’ non ha niente a che fare ne’ con le lingue italiane meridionali, ne’ con il rumeno, ma con tutto il rispetto per i calabresi e i siciliani, potete andare a dirlo a loro che non hanno niente a che fare con voi (suppongo qualcuno intenda fisicamente) culturalmente e storicamente ma non a me toscano. I toscani sono tra i piu’ alti in Italia e dagli studi sui coscritti di Rodolfo Livi anche piu’ biondi e con piu’ occhi chiari sia dell’Emilia che della Liguria. Storicamente i comuni di stampo germanico sono nati in Toscana e hanno durato anche piu’ a lungo che nel Nord Italia. Lucca, Siena ed Arezzo erano roccaforti longobarde. Certo noi non abbiamo avuto i celti(forse..) ma in compenso avevamo il Liguri.

  3. Mountcòcchküchelberg
    | Rispondi

    ci fa piacere sapere che sei alto bello biondo e con gli occhi azzurri. Qualcuno ha schifato i Toscani?La linguistica non e’ un opinione. si parla di lingua romanza occidentale e lingua romanza orientale. il limes e’ un fatto per tutti i toscani che conosciamo. aveva una sola strada carrabile fino a 200 anni fa, a differenza della Alpi. A parte questo nessuno si danna contro la Toscana, semplicemente non fa parte della Cisalpina (risparmiatevi adesso la partita Cisalpina vs. Toscana, qui non si fa a gara)

  4. Mountcòcchküchelberg
    | Rispondi

    Limes in ogni senso, culturale, linguistico, e perche no, gastronomico, tutti i toscani concordano su questo da punto di vista anche “serio”, politico-commerciale. Non e’ una sciocchezza da polentoni come dividere Torino con il Po (polenta che e’ presente in tutta la Cisalpina dalla Romagna in su).
    Per perdere un attimo di tempo sulla razziolopgia di serie C, anche se veramente l’argomento e’ esaurito, e lo e’ da un secolo, il nordicismo in se’ e’ una vecchia ciabatta che non convinceva neanche i veri dirigenti degli anni 30 e 40 (per esempio neanche a Quisling, ma neppure ai massimi dirigenti in Germania), anche se si da caso che qui siamo in presenza di biondi e rossicci glaucopidi – , ma iride e sistema pillifero sono ben poca cosa rispetto a colorito e fisionomia. Anche i Kabili sono biondicci e glaucopidi…che traguardo….In Norvegia ci sono soggetti praticamente di puro ceppo “alpino”, e allora?
    Comunque Cavalli Sforza e tutti gli scienziati documentano come risalendo (quindi oltre la Toscana) biondismo e glaucopidismo aumentino, inutile fare originalate, la base toscana e’ etrusca. Da un lato leggiamo dei toscani gotonici, e dall’ altra ne vediamo ben pochi – ma si ripete: non e’ su colore di occhi e di capelli che poggia il discorso.

  5. Mountcòcchküchelberg
    | Rispondi

    A parte i Veneti che fino a quando la gente era piu’ istruita era normale vedere come genti distinte dalla Cisalpina (Cisalpina / Veneto); come scrive Burro- Infatti, cosa resta dei prischi romani? nulla. punto. Tutto qua. Il discorso che fa sfocia nel ridicolo. Certo restano le rovine, delle autentiche atlantidi etniche. Quello che portavano i prischi romani o i Dori non si e’ mai avuto nella attuale Roma, bensi’ in paesi che possono anche essere molto lontani dall’ Italia-stato, ma questa non e’ un opinione e come fatto lo si legge ovunque a tutte le latitudini (tranne forse nell’ Italia-stato)
    Non voglio neanche, ma potrei, fare i discorsi alla Fichte, e a tutta la scuola occidentale – nordoccidentale ecc. sul fatto che i popoli dell`Europa centrale avevano orrore per le costruzioni di pietra, ma di romanticismo politico ne abbiamo anche troppo.
    Insomma certa gente ha i suoi limiti, antica Roma = Roma dell’ eta’ medievale e moderna; bizantini o etruschi = turchi altaici….
    “4 nomi di tribu’ e 4 insediamenti” non si capisce a cosa si riferisca, a latini, umbri e sabini forse…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.