Note sulla filosofia araba; da Al Gazali ad Averroè. Secoli XII-XIII

|

La vita e le opere dei principali esponenti della filosofia islamica tra il dodicesimo e il tredicesimo secolo.

Il panismo dannunziano alla luce del «disvelamento dell’essere» di Heidegger

|

Alcuni tratti peculiari accomunano il sentire dal poeta pescarese con la filosofia del disvelamento dell’essere sviluppata da Heidegger.

Papa Bergoglio e la decadenza della Chiesa Cattolica (quarta parte)

|

Le nuove tesi papali in materia di gerarchia, sinodalità, decentralizzazione in seno alla Chiesa.

Note sulla filosofia araba, dagli inizi ad Avicenna. Secoli IX-XII. Parte 1

|

Il mondo arabo, tutt’altro che marginale rispetto agli influssi delle dottrine greche, aveva già assimilato molto prima del XII secolo la scienza dell’Ellade e la sua filosofia, speculazioni che per il resto dell’occidente continuavano ad essere sconosciute perché dimenticate per mancanza di trascrizioni dal greco delle opere antiche.

L’umanità come finzione

|

Shakespeare e Marlowe, i due grandi esponenti del teatro elisabettiano, hanno negato l’esistenza effettiva dell’umanità.

Horthy tenta il salvataggio in extremis

|

Il colpo di mano di Otto Skorzeny che portò alla deposizione dell’ammiraglio Horthy.

Gli Imperi della Paura. Finanzcapitalismo ed Islam

|

Oltre alla guerra dichiarata all’Occidente dalle organizzazioni armate islamiche è in corso una sottomissione dolce dell’Europa.

Per farla finita con la paura della morte fra Libro Tibetano dei Morti e Heidegger

|

La morte rappresenta nell’economia dell’esistenza l’aspetto più ignoto, consistendo in un momento di passaggio dalla condizione quotidiana a quella che si presenta come un definitivo cambiamento di stato.

Lo zodiaco ermetico di Raoul dal Molin Ferenzona (terza parte)

|

Zodiacale di Ferenzona mescola una pluralità di ascendenze, provenienti dalle più svariate tradizioni, in un sincretismo che ricorda da presso quello di certe opere del pittore russo Nikolaj Roerich.

Il culto di Priapo

|

Il grande Pan non è morto, come invece sosteneva Plutarco, ma si è senz’altro addormentato, a causa del nostro umano decadimento.

1 2