Non solo Wagner

La collaborazione dei più grandi musicisti del XX secolo con il regime nazionalsocialista e il ruolo della musica nella propaganda crociuncinata