Mosca: “terza Roma” o “quarta Gerusalemme”?
| |

L’idea di Mosca come Terza Roma conteneva in sé un doppio significato: da un lato rifletteva la continuità spirituale attraverso Bisanzio, dall’altro rifletteva la continuità politica ed imperiale dell’oramai defunto impero bizantino.

L’eredità romano-bizantina della Russia nel pensiero di Arnold Toynbee
| |

Agli occhi di Toynbee, il comunismo sovietico si configura come una sorta di nuova religione laicizzata e terrestrizzata, ma la Russia nella sua sostanza resta pur sempre uno Stato-Impero totalitario che raccoglie l’eredità simbolica e politico-religiosa dell’Impero Romano d’Oriente.

Dal Tradizionalismo del Novecento alla Geopolitica del XXI Secolo. Parte III
| |

Terza parte (su quattro) di un saggio sul possibile sviluppo del tradizionalismo in una visione geopolitica eurasiatica per i tempi futuri.

Un’epopea russo-lituana. Vytàutas-Witold-Vitovt il Grande e la nascente Rus’ di Mosca
| |

Nella seconda metà del Trecento si dipanò un’avvincente storia dinastica tra le coste baltiche e le rive del Volga che diede vita alla Rus’

Più boia che padre. Ritratto di Stalin senza nostalgie
| |

La criminale politica staliniana e le deviazioni della dottrina eurasista.

Julius Evola e il tradizionalismo russo
| |

Saggio sulla ricezione di Evola in Russia e sul suo influsso sulla cultura, la letteratura e la politica russe