Cosa rappresentava l’isola di Taprobana e perché Campanella vi pose la Città del Sole?

Fu il geografo greco Megastene a parlare per primo dell’isola di Taprobana, verso il 290 a. C., facendo entrare nella cultura e nell’immaginario occidentali questa terra favolosa, ammantata di foreste e popolata di elefanti.