Gli ultimi trionfi del denaro e della macchina nella filosofia della storia di Oswald Spengler

Secondo la concezione organicistica di Spengler ogni civiltà è equiparabile a un essere vivente che nasce, si sviluppa, decade (nella fase della «civilizzazione») e, da ultimo, muore