Una cattiva cultura
| |

Oggi l’ingenuità nel credere che la realtà sia tale quale la vediamo si accompagna all’ipocrisia dell’attribuire nobiltà a ciò che non ha nulla di nobile e, infine, ad un tedioso gusto per ciò che è sentimentale.

Drieu e gli altri
| |

Drieu sognò una società in cui gli Europei si sentissero fieri non già di creare sempre nuove macchine, ma di erigere qualcosa di nobile e bello, come i loro antenati avevano fatto con le cattedrali gotiche.

Saint-Loup “revisité”
| |

Saint-Loup n’est pas l’homme d’une époque, mais d’une vision du monde.

“Ineffabile nostalgia” di Cioran fra Codreanu e anelito metafisico
| |

Ineffabile nostalgia si intitola il fitto epistolario dell’autore romeno al fratello Auriel nel lungo arco di tempo tra il 1913 e il 1985.

Sottomissione
| |

‘Guénon lettore di Nietzsche’ è la chiave di interpretazione del romanzo Sottomissione di Michel Houellebecq.

Riemergono Le Serate di Pietroburgo, classico del pensiero controrivoluzionario
| |

Scritte durante il soggiorno pietroburghese dell’autore, le Serate costituiscono una vera e propria pietra miliare del pensiero controrivoluzionario.

“La regina di Saba” di Gérard de Nerval: tassello prezioso del Romanticismo europeo
| |

Ristampato solo ultimamente in Italia dalla casa editrice Adelphi, La regina di Saba di Gérard de Nerval è un racconto lungo che s’inserisce a pieno titolo nel contesto del Romanticismo europeo.

Rileggere Jean Raspail, profeta inascoltato
| |

Jean Raspail, considerato uno dei maggiori scrittori francesi viventi, da noi continua ad essere pressoché sconosciuto: sono ben poche le persone colte che lo hanno letto o anche solo sentito nominare, che ne parlano, che discutono le sue tesi; quanto al grosso pubblico, non ne sa nulla, puramente e semplicemente.

Antoine Rivaroli: ritratto di un reazionario
| |

La vita avventurosa e il pensiero di Antoine Rivaroli, profondo scrittore controrivoluzionario e testimone della barbarie umana.

Le Dictionnaire infernal: una curiosa operetta del XIX secolo
| |

Il Dictionnaire Infernal di Collin de Plancy, pubblicato per la prima volta nel 1818, raccoglie oltre duemila voci riguardanti le credenze, le superstizioni, la magia, l’esoterismo e il folklore sia passato sia contemporaneo all’autore.

La nuit commence au Cap Horn
| |

Ce roman écrit après tant d’aventures, c’est du meilleur Saint-Loup. On devine à chaque page l’homme d’action.

Georges Simenon, l’incompreso di successo
| |

Un profilo generale dell’opera di Georges Simenon scritto nel 2003, in occasione del centenraio della nascita dello scrittore belga.

Henry-François Rey. Une “Costa Brava” recomposée au noir soleil de la tragédie
| |

Rey, après avoir appartenu à la gauche engagée, découvre la solitude, «la solitude contre le monde, contre les autres qu’il faut mépriser, chasser, annihiler».

Psicopatici contro Degrelle
| |

Il secco e l’umido di Jonathan Littell, un pamphlet contro Léon Degrelle, è un tipico caso clinico di patologia psichica molto politicamente corretta.

Quell’ispettore così solidamente borghese che finiamo per amare anche nostro malgrado
| |

Brusco, impaziente di intralci e impedimenti, avverso ai moderni metodi “scientifici” all’americana, Maigret è un perfetto europeo, un perfetto francese, un perfetto parigino, oltre che un perfetto borghese.

Pierre Guillaume
| |

Un homme en proie à toutes les passions, à commencer par celle de l’océan et à terminer par un dernier combat contre la maladie et la mort, en passant par la plus longue de ses navigations, cette fois immobile: un long séjour en prison.

Louis Boussenard, un écrivain-aventurier dans le meilleur sillage de Jules Verne
| |

D’une génération suivant celle de Jules Verne, Louis Boussenard semble en avoir parfaitement assimilé toutes les recettes. Comme son grand aîné, il réussit à nous faire partager la passion des «voyages extraordinaires» sans pourtant jamais arriver au même succès.

Metafisica dell’addio
| |

Metafisica dell’addio. Studi su Emil Cioran di Antonio di Gennaro costituisce un utile contributo alla conoscenza dell’autore rumeno in occasione del centenario dalla nascita del filosofo.

Conflitti di razza, conflitti di classe
| |

Les Races et les Classes di Albert Caraco è un buon testo di riferimento per meditare sulle questioni razziali, che i mass media affrontano con una sconcertante superficialità e con un tono moralistico decisamente fuori luogo, data la gravità del problema.

Sparta e i Sudisti nel pensiero di Maurice Bardèche
| |

Maurice Bardèche ebbe il coraggio di fare apertamente quello che altri fecero un po’ di soppiatto o che addirittura rinnegarono: continuò a professare i valori di un tempo e non venne mai a patti con l’ideologia dei vincitori.Maurice Bardèche ebbe il coraggio di fare apertamente quello che altri fecero un po’ di soppiatto o che addirittura rinnegarono: continuò a professare i valori di un tempo e non venne mai a patti con l’ideologia dei vincitori.

Drieu La Rochelle vide lo spettro di una nuova guerra e per questo credette nell’Europa unita
| |

Vi sono scelte che non vengono perdonate, che fruttano al proprio autore la «damnatio memoriae» perpetua. È questo, certamente, il caso dello scrittore Drieu La Rochelle.

Il Vangelo secondo Caraco
| |

Albert Caraco è un autore ancora relativamente poco conosciuto, ma negli anni a venire le sue opere sono destinate a sicura diffusione, dato il loro carattere profetico.

André Gide
| |

Quando un artista riceve così tante critiche quante André Gide, difficilmente può essere considerato un uomo banale.

Eugène Ionesco e l’assurdo del Novecento
| |

Ionesco aveva espresso le contraddizioni di quella che veniva chiamata modernità senza una via d’uscita che fosse almeno semplicemente gradevole.

Ernst Jünger – Pierre Drieu La Rochelle
| |

La Grande Guerre a tous deux marqués au profond, mais entre Jünger et Drieu La Rochelle, il y a bien d’autres points communs

Céline e il dramma biologico della storia
| |

Le scelte oltranziste attirarono su Céline un carico d’odio che soltanto oggi viene meno, per via di certi biografi che però fanno anche di peggio, dato che vogliono fare di Céline non il felino ungulato che era, ma un cappone da cortile, solo un po’ bizzarro

Romain Gary, camaleonte e libertario
| |

Poco prima di togliersi la vita, Romain Gary aveva nostalgia del ragazzo guerriero che era stato tanti anni prima, quello che aveva finito per cedere il passo al borghese che mai avrebbe pensato di diventare

Pauwels l’admirable
| |

Pauwels ne change pas. Il n’a jamais renié en lui ni l’esprit scientifique, ni l’esprit religieux. Il n’est pas dualiste, mais moniste. L’homme est Un, comme sera Un le surhomme

Henri Crouzat e “L’isola in capo al mondo”
| |

Nonostante il successo che ebbe nell’immediato, il romanzo di Henri Crouzat L’isola in capo al mondo è stato dimenticato. Il suo vero protagonista era l’isola subantartica di Amsterdam

Jules Verne e il romanzo polare “La sfinge dei ghiacci”
| |

Il romanzo La sfinge dei ghiacci di Jules Verne, del 1897, si pone quale esplicita continuazione del Gordon Pym di Edgar Allan Poe e si svolge nelle estreme regioni antartiche

Metafisica della guerra: Ungern (Sternberg) Khan
| |

Le Edizioni di Ar hanno pubblicato Il dio della guerra di Jean Mabire, uscito in Francia nel 1987: una fusione tra la finzione romanzesca e il saggio storico sul barone von Ungern

Del rapporto tra volo e scrittura in Saint-Exupéry
| |

Nei racconti e nei romanzi di Saint-Exupéry si delinea l’infinita ricerca del senso attraverso la simbologia del viaggio

Quelle mille foto per scandagliare l’oggetto Céline
| |

Pubblicato Louis-Ferdinand Céline in foto, una raccolta per immagini, sia fotografiche che letterarie dell’autore di Morte a credito, curata da Andrea Lombardi

Da Zola a Céline: la modernità che si rovescia
| |

Mezzo secolo è passato dalle teorizzazioni zolaiane a quegli anni Trenta in cui, scrive Céline, tutto è diventato più potente e pericoloso, perfino le divinità.

Jean Raspail: “La hache des steppes”
| |

La Hache des Steppes de Jean Raspail nous montre où se trouve véritablement notre prochain: dans le monde vertical qui nous unit à nos ancêtres.

Jean Giono e “Le Chant du Monde”
| |

Una panoramica sulla vita e l’opera dello scrittore francese Jean Giono (1895–1970), cantore dell’incanto pagano della natura.

Céline contro Sartre
| |

Breve storia della nota querelle Sartre-Céline, l’opposizione tra il censore moralista e lo scrittore maledetto.

Flaubert, contestataire et “nietzschéen”
| |

Ce livre de Maurice Bardèche montre surtout quel fut l’arrière-plan de toute l’oeuvre flaubertienne, entièrement dominée par la nostalgie du paganisme.

Cento anni Robert Brasillach
| |

Un bilancio sulla vita e la morte del poeta collaborazionista Robert Brasillach nella ricorrenza dei cento anni dalla nascita.

Drieu La Rochelle: il mito dell’Europa
| |

Questo brano costituisce l’Introduzione al volume M. Prisco – G. Giannettini – A. Romualdi, Drieu La Rochelle: il mito dell’Europa, Edizioni del Solstizio, 1965.

Drieu La Rochelle. Il mito dell’Europa
| |

Recensione del primo saggio italiano sull’opera di Pierre Drieu La Rochelle, curato da Romualdi, Prisco e Giannettini.

La desigualdad de las razas de Gobineau
| |

La obra y la vida de Joseph Arthur de Gobineau

Il Campo dei Santi
| |

Recensione del celebre romanzo di Jean Raspail sulla fine della civiltà europea.

Il ritorno di Saint-Exupéry
| |

La notizia del ritrovamento del Lightning e la sorte postuma di Saint-Exupéry

Povera Europa
| |

Una poesia di Pierre Drieu La Rochelle sul tragico destino dell’Europa

Drieu La Rochelle e la generazione del dopoguerra
| |

Saggio sull’opera letteraria, la vita e il pensiero politico di Pierre Drieu La Rochelle

Drieu La Rochelle, poeta della decadenza
| |

Saggio sull’opera, lo stile e la vita di Pierre Drieu La Rochelle

Chateaubriand e il mito del buon selvaggio
| |

In ‘Atala’ di Chateaubriand si trovano interessanti anticipazioni di un topos letterario molto diffuso.

1 2