Giarabub di Goffredo Alessandrini
| |

Sono molti i pregi artistici del film, dalla recitazione alla fotografia; ma, fra tutti, uno spicca in modo particolare: il formidabile senso dell’azione, che – come è stato osservato – ricorda, e quasi certamente non per caso, il miglior cinema «western», con il classico fortino nel deserto assediato dalle orde dei Pellirosse e difeso eroicamente, fino all’ultimo uomo, dalla guarnigione votata al sacrificio.

Il fascismo secondo Indiana Jones
| |

L’esorcismo antifascista funziona come la scomunica medievale, e come la scomunica medievale è contagioso.

Per qualche dollaro in più
| |

Per qualche dollaro in più, secondo della trilogia del dollaro di Sergio Leone, è stato uno di quei film che rimangono non solo nella storia della cinematografia di una data epoca, ma anche in quella del costume e dell’immaginario collettivo.

Il cinema è morto?
| |

Il mondo della cinematografia è andato alla deriva. Al moralismo ha fatto seguito un cinismo compiacente, che adula ciò che vi è di più basso in uno spettatore trasformato in voyeur narcisista sempre più facile da adulare ma sempre più difficile da soddisfare.

«Il deserto dei Tartari» di Valerio Zurlini
| |

La trasposizione per il grande schermo del celebre romanzo di Buzzati è un’opera di altissimo livello, piena di poesia e di intensità drammatica

Il simbolismo apocalittico del film 300
| |

Una lettura simbolica del film 300 di Zack Snyder e dell’omonimo fumetto di Frank Miller da cui il primo è ispirato

Kurosawa, l’ultimo imperatore
| |

Akira Kurosawa è stato un uomo di cinema molto colto, uno di quelli che si è ispirato ai geni della letteratura di sempre come William Shakespeare e Fëdor Dostoevskij e che a sua volta ha fornito spunti a non finire a chi è venuto dopo o insieme a lui

Hitchcock, il cinema senza tempo
| |

Alfred Hitchcock ha consegnato alla memoria del grande schermo emozioni, paure e fobie, mature e infantili, che erano in primo luogo le sue.

Petite guerre dans les Bayous
| |

Un des films de guerre les plus vrais qui se puisse voir se déroule en Louisiane: Sans retour de Walter Hill (1981)

Alberto da Giussano tra realtà e mito
| |

Il film di Renzo Martinelli ‘Barbarossa’ ha riacceso il dibattito sull’identità, piuttosto misteriosa, di Alberto da Giussano

Henri Crouzat e “L’isola in capo al mondo”
| |

Nonostante il successo che ebbe nell’immediato, il romanzo di Henri Crouzat L’isola in capo al mondo è stato dimenticato. Il suo vero protagonista era l’isola subantartica di Amsterdam

Ipazia: il martirio del paganesimo
| |

Recensione del film Agorà diretto da Alejandro Amenàbar, dedicato a Ipazia di Alessandria

Soldato blu: dalla parte degli indiani
| |

Il film Soldato blu di Ralph Nelson, uscito quarant’anni fa segnava una sensibile svolta nella cinematografia americana: l’anti-imperialismo trionfava nell’immaginario

Avatar, un’epopea postmoderna
| |

Riflessioni sul kolossal di James Cameron Avatar e sulle ragioni profonde del suo successo

Lezioni di stile (e di politica) secondo Clint Eastwood
| |

Una panoramica sulla vita e la produzione cinematografica di Clint Eastwood, in particolare sui film diretti nell’ultimo decennio

La tenda rossa
| |

Una recensione del film La tenda rossa di Mikahail Kalatozov del 1969 e la storia della tragedia del dirigibile Italia comandato da Umberto Nobile nel 1928.

Un ricordo di Sergio Leone
| |

Un’analisi retrospettiva dell’opera di Sergio Leone e dell’epoca in cui i suoi film vennero realizzati.

Un mercoledì da leoni trent’anni dopo
| |

Una rilettura del capolavoro di John Milius, proiettato nelle sale cinematografiche per la prima volta nel 1978.

Woody Allen
| |

Rilettura dell’opera da regista di Woody Allen attraverso un suo libro di conversazioni con Eric Lax

I quattro dell’Oca Selvaggia
| |

Recensione del libro di Daniel Carney e del film omonimo diretto da Andrew McLaglen

I cinquant’anni della “Grande Guerra” di Monicelli
| |

Riflessioni dopo mezzo secolo sul film con Sordi e Gassman che ha segnato una svolta culturale nell’approccio alla prima guerra mondiale

Solaris, o dell’irrazionale
| |

Una lettura simbolica del celebre romanzo Solaris dello scrittore polacco Stanislaw Lem

Povero Omero in salsa americana
| |

Una polemica contro l’uso della lingua inglese nei titoli di film e libri e una breve recensione dell’Iliade cinematografica di Wolfgang Petersen.

La strada del ritorno. Labyrinth (1986) di Jim Henson
| |

E’ evidente la similitudine fra i classici della letteratura fantastica e la trama del film Labyrinth, a essi chiaramente ispirato.

Una saga dei giorni nostri. Il Gladiatore di Ridley Scott
| |

Recensione del film ‘Il Gladiatore’ di Ridley Scott, con Russel Crowe