Rileggere Jean Raspail, profeta inascoltato

Francesco Lamendola

Francesco Lamendola, laureato in Lettere e Filosofia, insegna in un liceo di Pieve di Soligo, di cui è stato più volte vice-preside. Si è dedicato in passato alla pittura e alla fotografia, con diverse mostre personali e collettive. Ha pubblicato una decina di libri e oltre cento articoli per svariate riviste. Tiene da anni pubbliche conferenze, oltre che per varie Amministrazioni comunali, per Associazioni culturali come l'Ateneo di Treviso, l'Istituto per la Storia del Risorgimento; la Società "Dante Alighieri"; l'"Alliance Française"; L'Associazione Eco-Filosofica; la Fondazione "Luigi Stefanini". E' il presidente della Libera Associazione Musicale "W.A. Mozart" di Santa Lucia di Piave e si è occupato di studi sulla figura e l'opera di J. S. Bach.

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. Sepp ha detto:

    Posso postare questo articolo su Comedonchisciotte.org?
    Ho comprato il libro e spero di leggerlo al piu presto.
    Tutti articoli interessanti.
    Buon Lavoro.

  2. Roberto Castellengo ha detto:

    La negazione delle radici cristiane compiuta dell’Europa produrrà l’annientamento di quest’ultima.

  3. Sepp ha detto:

    Ho letto tutto il libro, questo libro va messo davanti a 1984 di George Orwell, e’ di una attualita’ da lasciare senza fiato, tutto quello che racconta si sta compiendo in questo momento. Un suicidio di massa, un progetto contronatura, razze che si sono mimetizzate nei secoli in mezzo ai gentili, hanno usato la storia per i loro scopi di conquista usando il bianco come primo attore a cui poi addebbitare tutte le colpe, non e’ facile per il comune cittadino comprendere la manipolazione di cui e’ vittima, e forse non ci arrivera’ mai, la conoscenza gli e’ preclusa perche’ solo gli eletti possono essere iniziati alla verita’, una verita’ pericolosa che uccide coloro che incautamente ne fanno pubblicita’. E’ facile parlare di essere informati, tutti credono di essere dei bravi cittadini, dei buoni crisitani e di rispettare le leggi, pero’ non immaginano di essere un gregge che e’ mandato al macello. Alla testa di questi movimenti vi sono i peggiori malati mentali, coloro che per le leggi biologicche non dovevano neanche essere nati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *