Luci sul tricolore romano

Mario Enzo Migliori

Nato a Prato nel 1953. Collabora alle seguenti riviste di studi storici e tradizionali: Arthos; La Cittadella; Vie della Tradizione; ha collaborato a Convivium ed a Mos Maiorum.
Socio della Società Pratese di Storia Patria; dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri e del Centro Camuno di Studi Preistorici.
E’ stato tra i Fondatori del Gruppo Archeologico Carmignanese.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Kaisaros ha detto:

    Visto che l'ha citato di sfuggita(parlando delle vesti di beatrice),

    si poteva approfondire facendo notare come questi tre colori

    sono i colori rosarociani per eccellenza

    (tratti da passi biblici di grande importanza esoterica).

    Per questo Dante,rosacroce dei Fedeli d'Amore usa quei colori per beatrice(che impersonifica la sapienza rosacrociana).

    E non è un caso che sul primo tricolore appaia

    la sigla RC(rosacroce).

    Infine,nella bandiera della R.S.I.

    nonostante l'avversione per la massoneria da parte del Fascismo

    e di Mussolini viene ripresa l'Aquila su un Fascio,

    simbolo del Rito Simbolico Italiano(non a caso,RSI).

    E' un aspetto quasi ironico;

    migliaia di soldati sono morti combattendo

    sotto un vessillo rappresentante la Tradizione

    Indoeuropea ed i simboli Arii dell'aquila e del fascio

    con sacrificio ed obbedienza.

    Ma chi l'ha creato aveva in mente ben altri "sacrifici" ed "obbedienze".

  2. sergio spezi da concordia VE ha detto:

    il primo tricolore recava R.C. : Repubblica Cisalpina o Cispadana ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *