Le conversazioni a tavola di Hitler

Potrebbero interessarti anche...

11 Risposte

  1. iach ha detto:

    Sì, certo. La mia tesi inquadra Hitler in una lettura anche spirituale del nazionalsocialismo e di tutto il periodo storico del conflitto. Quello che espongo è una semplice sorpresa che si ha spesso nel visitare città come Berlino ad esempio o ci si inoltra più a fondo del mondo ebraico tutto. Ricordiamo che i profeti e le scritture stesse preannunciarono immagini di punizione lungo la storia del popolo e ciò si manifestò a mio parere anche per mezzo di Hitler stesso. Pare come se tra i due mondi alcune volte si potesse tracciare un parallelismo sorprendente, come se Hitler fosse una faccia esterna del mondo ebraico. Il nazionalsocialismo esasperò il rigore e leggi di stato con tecniche tutt’altro che criticabili alle volte, semplicemente mise in pratica regole e modi di vita “puliti”, e privi di mezze misure. Ora non so se per caso, ma la materia di queste leggi, alle volte è la stessa delle leggi ebraiche e di qualsiasi altre leggi, come se le leggi comunque fossero fatte di materia divina, superiore rispetto ad altre materie. Ed essendo della stessa materia ecco che i due mondi entrambi riguardanti le leggi si incontrano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *