La religione cosmica degli Indoeuropei

Michele Fabbri

Michele Fabbri, originario della subregione Romagna-Toscana, ha scritto i libri Trobar clus (Fermenti Editrice), Arcadia (Società Editrice Il Ponte Vecchio), Apocalisse 23 (Società Editrice Il Ponte Vecchio). Dopo la pubblicazione di Apocalisse 23 si sono perse le tracce dell’autore. Alcuni pensano che da allora Michele Fabbri abbia continuato a scrivere sotto falso nome…www.michelefabbri.wordpress.com

Potrebbero interessarti anche...

6 Risposte

  1. Luca ha detto:

    Peccato che il popolo degli Indo-europei sia stato inventato di sana pianta per ragioni ideologiche. Che mi si mostri un solo coccio di vaso indo-europeo! Leggete La favola dell’indo-europeo di Giovanni Semerano.

  2. Michele Fabbri ha detto:

    Semerano si sbugiarda da solo: lui stesso afferma di aver condotto le sue ricerche linguistiche per smontare gli studi indoeuropei in modo da evitare che l’indoeuropeistica possa suscitare sentimenti razzisti. Il fatto che i regimi nazifascisti abbiano strumentalizzato gli indoeuropei non è un buon motivo per credere alle fantasiose tesi di Semerano…

  3. Paolo ha detto:

    Grazie Luca! Grazie per averci aperto gli occhi. Senza di te il mondo sarebbe rimasto nell’oblio e nella più cupa ignoranza.

  4. Luca ha detto:

    Pur preferendo la tesi fantasiosa ma concreta di Semerano ad un mondo fantastico di asterischi, ribadisco tuttavia che “Sol chi sa di non sapere, ne sa piú di chi ne sa” e m’inclino inanzi tanta scienza.

  5. Kaspar Hauser ha detto:

    Vi sono innumerevoli prove linguistiche,genetiche,di comunanza di riti e di miti,etc,che portano a credere ,senza alcun dubbio, all’esistenza degli indoeuropei.E su questo son d’accordo tutti(perlomeno tutti i ricercatori seri…),con la differenza che i ricercatori più progressisti danno maggior enfasi alle comunanza linguistica,piuttosto che a quella etnica.Ma di cosa si sta parlando?

  6. Aryano ha detto:

    Quando si leggono certi commenti , non si può far altro che sorridere : Innanzitutto popolo indoeuropeo mi sembra eccessivo ; non si può parlare di popolo indoeuropeo bensí di cultura indoeuropea e nella fattispecie di lingua o lingue indoeuropee visto che è nato tutto da lí . Che poi il discorso si è trasposto su un piano etnologico o razziale è un altro discorso ma non nasce per ragioni idiologiche negli anni ’30 ma ancor prima alla fine dell ‘ 800 con gli studi di Max Mueller , Schlegel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *