Il Toro di Scapa Flow

Günther Prien (Osterfeld il 16 gennaio 1908 -  7 marzo 1941)
Günther Prien (Osterfeld il 16 gennaio 1908 – 7 marzo 1941)

Günther Prien (Osterfeld il 16 gennaio 1908 – 7 marzo 1941) ufficiale tedesco, uno dei dieci migliori assi degli U-boot della Kriegsmarine nel corso della seconda battaglia dell’Atlantico, durante la seconda guerra mondiale. Sotto il suo comando il sottomarino tedesco U-47 affondò più di 30 navi alleate per più di 200 000 tonnellate. La sua impresa più importante fu comunque l’affondamento della nave da battaglia britannica HMS Royal Oak ancorata a Scapa Flow.

Nato a Osterfeld in Sassonia, Prien intraprese la vita di mare fin da giovane; nel 1925 sopravvisse al naufragio dell’Hamburg lungo le coste irlandesi. Ottenuto il brevetto di ufficiale della marina mercantile, fu però costretto ad abbandonare il servizo a causa della situazione disastrosa della marina tedesca a causa della Grande Depressione. Nel 1933 entrò nella Reichsmarine, servendo inizialmente sull’incrociatore leggero Königsberg, prima di essere trasferito agli U-Boot nell’ottobre del 1935, venendo promosso nello stesso anno Leutnant zur See, e Oberleutnant zur See nel 1937. Nominato comandante di uno nuovi sottomarini Tipo VIIB, l’U-47, il 17 dicembre 1938, il primo febbraio dell’anno successivo venne ulteriormente promosso Kapitänleutnant.

Il Toro di Scapa Flow
Wolfgang Frank, Il Toro di Scapa Flow

Il 4 settembre del 1938 il sommergibile tedesco U-47, al comando del tenente di vascello Prien, affonda in posizione 45° 29′ N – 9° 45′ W il piccolo cargo inglese Bosnia. Lo stesso sommergibile, il giorno successivo, affonda nella stessa zona la nave Rio Claro, e il giorno dopo un terzo, il Gartavon.

La notte fra il 13 e il 14 ottobre del 1939, Günther Prien al comando dell’U-47 riesce a penetrare nella base navale britannica, eludendo le difese nemiche. L’azione ha inizio la sera, in assenza di luna, ma col favore dell’aurora boreale. Fino a quel momento l’equipaggio non è stato informato sugli obiettivi della missione. Dopo una lunga manovra, Prien riesce a oltrepassare la barriera costituita dalle navi affondate in prossimità del passaggio, ed entra in porto alle 0:27, trovandosi di fronte due navi corazzate e vari cacciatorpediniere inglesi. Il nucleo principale della marina britannica si è già spostato verso la costa occidentale della Scozia, ma in porto resta, fra le altre, una delle più prestigiose unità della marina britannica, la Royal Oak, che nel 1916 aveva partecipato alla battaglia dello Jutland. Si tratta di una corazzata della lunghezza di 187 metri, con un dislocamento di 29.150 tonnellate.

Günther Prien decorato da Hitler con la Croce di Cavaliere
Günther Prien decorato da Hitler con la Croce di Cavaliere

Alle 0:59, l’U-47 lancia una prima scarica di quattro siluri, che non ha successo: uno non parte, gli altri tre mancano il bersaglio. Dopo una manovra, un ulteriore tentativo con il siluro principale va a vuoto. La Royal Oak è soltanto scossa da un forte urto; a bordo si pensa a un’esplosione interna. Intanto, Prien ordina di caricare i siluri di riserva. Terminata la lunga operazione, che avviene in superficie in mezzo alla baia silenziosa, alle 1:27 parte la seconda scarica, che centra in pieno l’obiettivo: la Royal Oak, sventrata, si rovescia su un fianco e affonda nel giro di appena un quarto d’ora, trascinando con sé tutti gli 833 membri dell’equipaggio. Per i tedeschi si tratta ora di sottrarsi alla reazione delle altre unità britanniche. A tutta velocità, I’U-47 percorre la via del ritorno tenendosi lungo costa per non essere localizzato, e riesce così a sfuggire ai cacciatorpediniere nemici e a varcare indenne il passaggio. Tre giorni dopo giunge alla base di Wilhelshaven. Nel collegamento seguente è visionabile un cinegiornale tedesco dedicato al trionfale rientro in patria di Günther Priem dopo l’impresa di Scapa Flow:

Insignito della Croce di Cavaliere della Croce di Ferro, divenne il primo membro della Kriegsmarine a ricevere questa alta onorificenza, venendo inoltre soprannominato Der Stier von Scapa Flow (Il toro di Scapa Flow): questo emblema venne verniciato sulla torretta esterna dell’U-47, e divenne l’emblema dell’intera 7ª flottiglia di U-Boot. Ritornato in mare, Prien continuò a perlustrare l’Atlantico e ad affondare le navi mercantili alleate, venendo decorato, per i suoi successi, con le fronde di quercia della Croce di Cavaliere nel 1940.

Morì, insieme a tutto l’equipaggio dell’U-47, l’8 marzo 1941, poco dopo essere stato promosso Korvettenkapitän in seguito all’affondamento da parte del cacciatorpediniere britannico Wolverine in acque Islandesi.

Il ritratto di Günther Prien eseguito dall'artista tedesco Wollfang Willrich
Il ritratto di Günther Prien eseguito dall’artista Wolfgang Willrich

Sebbene fosse rimasto in mare per meno di due anni, Prien realizzò il record di affondamenti durante la seconda guerra mondiale: in 238 giorni trascorsi in mare, affondò 30 navi nemiche per un tonnellaggio complessivo di 193.808 tonnellate. Va rimarcato che l’ammiraglio Karl Dönitz. in un raro momento di commozione disse che Prien «era tutto ciò che un uomo doveva essere: una grande personalità, piena d’impegno, energia e gioia di vivere, totalmente dedito al dovere». Il ritratto di Günther Prien eseguito dall’artista tedesco Wollfang Willrich nel 1939 si trova in Galleria Thule, artista Wolfgang Willrich, sezione pubblicazioni, Des Reiches Soldaten: http://www.galleria.thule-italia.com/willrich.html

Nel 1959 la ARCA Filmproduktion GmbH produsse il film U-47, Kapitänleutnant Prien (tradotto in Italia con l’improbabile titolo Gli squali del terzo Reich, produzione Export Film, distribuzione Cestia Film) con l’attore Dieter Eppler nel ruolo del protagonista sotto la regia di Harald Reinl sulla vita e le imprese militari di Günther Prien. Per altre notizie su Prien vedi: http://uboat.net/men/prien.htm

* * *

Wolfgang Frank, Il Toro di Scapa Flow. Vita e gesta del Korvettenkapitän Günther Prien, Comandante dell’U 47. Allegato al volume un DVD con materiale d’epoca su Günther Prien, l’U 47 e l’arma sommergibilistica tedesca nella II Guerra Mondiale. Edizioni Effepi 2009, Genova, pagine 258, 10 illustrazioni, euro 30,00.

Richiedere il volume a: Effepi Edizioni, Via Balbi Piovera 7 – 16149 Genova – Telefono: 010 6423334 – 338 9195220 – Posta elettronica:effepiedizioni@hotmail.com
Sito http://www.effepiedizioni.com/

Segui Harm Wulf:
Ultimi messaggi

3 Responses

  1. scintilla
    | Rispondi

    non capisco come uomini dotati di cosi' alti e assoluti valori abbiano potuto sacrificare lo loro vita straordinaria a cosi' ingiusta causa.Loro voglio credere che, non sospettassero a quale belva assetata di sangue e dai principi inumani;si stessero VOTANDO. (un ammiratore delle gesta dei soldati tedeschi)

  2. Centro Studi La Runa
    | Rispondi

    @scintilla: è ingiusto voler spiegare le gesta degli uomini del passato applicando i dogmi della mentalità odierna (e anche poco decoroso nei loro confronti). Quale che sia l'epoca del passato, ci si dovrebbe sforzare di capirla abbandonando le innumerevoli pregiudiziali e deformazioni dell'oggi.

  3. pedrito
    | Rispondi

    il servizio il dovere la professionalità la disciplina ec ecc sono una cosa politica è ben altra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.