Il piccolo popolo degli elementi

Potrebbero interessarti anche...

11 Risposte

  1. ekaros ha detto:

    ” E un minuscolo ente, in una nerissima notte, soffiò al mio orecchio interiore:
    nel rimanere immobil, rimanendo…
    e nel fermare il mobile, fermando…
    e mobil e immobil poi unendo…
    dove sol uno real regna regnando…

    E la notte si colorò di un tenue rosato bagliore,
    per poi tutto dissolversi nel nulla.
    Ma quei pochi versi rimasero impressi, come scolpiti, dentro di me, e scavarono dentro, e un qualcosa apportarono con il passare del tempo…”

  2. Aliend ha detto:

    Gentile Autore, La ringrazio per avermi risposto ad alcune domande che ultimamente mi frullavano per la mente su questo argomento. Molto interessate il suo articolo, grazie per avercelo donato.
    Cordiali saluti, a

  3. ekaros ha detto:

    grazie a voi e per la vostra cortese attenzione a queste mie righe.

  4. Giovanni Balducci ha detto:

    Grazie a voi per la cortese attenzione.

  5. ekaros ha detto:

    niente avviene per caso…solo il limite umano può evocare questa parola, ma oltre…
    e così il caso scompare…nel nulla…e tutto è così immensamente diverso dal piccolo limite umano…

  6. ekaros ha detto:

    ” E terreus disse : ho forse un io? un vero io?
    E moricus rispose: non uno ma mille io… E ognuno parla, domina e s’impone momentaneamente sugli altri, per poi tacere e lasciare il posto ad altri io. E così fino alla fine, quando il composto si dissolve in mille forze… e tutto torna nell’oceano senza alcun nome. E’ un arrancare continuo, teorie di voci di sensazioni di idee regnano ininterrottamente nel mentale, è una casa di spettri dalle cui finestre entra e esce qualsiasi vento e al cui interno si odono mille voci. E’ terra di fumo, terra di caos, terra di anarchia. E’ terra di corsari, di ladri, di parassiti, di politicanti promettenti oro e potere. E’ terra di saltimbanchi, terra di falsità, terra di morte. E’ terra da bruciare…terra da trasmutare… terra da sublimare…
    E terreus disse: In questo caos è possibile costruire? fare ordine? E’ possibile abbattere l’anarchia e il dominio dei venti e degli spettri? E così fondare un regno avente per capo un re, forte e stabile e saggio? E’ possibile tutto questo?
    Seguì un lungo silenzio, poi una voce dall’alto prese a dire:

    Se la soluzion del mondo
    nella vita tu vorrai,
    segui il prius, e mai il secondo,
    e radioso tu sarai.

    E poi tutto scomparve nella notte.

  7. Dario Giacoletto ha detto:

    ..ho trovato interessante l’articolo per cui, l’ho replicato nel mio blog con l’intento di dare seguito all’argomento. Spero di non aver incorso in disapprovazione. Saluti

  8. Giovanni Balducci ha detto:

    Si figuri, ha fatto bene. Saluti

  9. Giovanni Balducci ha detto:

    ekaros, cosa intende per “segui il prius, e mai il secondo”?

  10. ekaros ha detto:

    A dario giacoletto, grazie per la gentile attenzione, che approvo in ogni senso.

    ” armonizzar nell’interior è sommo….”

    grazie per

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.