Il fascismo secondo Indiana Jones

Potrebbero interessarti anche...

5 Risposte

  1. Paolo ha detto:

    Articolo magistrale. Sottoscrivo in pieno

  2. Vittorio ha detto:

    Che lucidità…Gentile Calabresi il riproporre questo articolo, che per altro era a me sconosciuto, è stato assolutamente appropriato.

    Nel ringraziarLa aggiungerei che dovrebbe esser affisso sui muri d'Italia così che tutti possano far loro le numerose ed eccezionali sintesi che contiene.

    E' letteralmente un rasoio.

    Grazie.

  3. Il frivolo e paradossale Grass era comunque un naione che dopo aver sognato di servire nei sottomarini, finì nella 17. SS, che insieme alla 9. SS, la 10. SS e la 16. SS aveva una truppa di naioni ritenuti idonei per le Waffen Ss (l'unica protesta di piazza del Reich si ha con le madri di uno di questi contingenti trasferiti alle Ss non volontariamente: si accorderà alle madri che i figli alla fine dell'addestramento scelgano se restare nelle Waffen Ss).

    L'esercito delle Ss (Waffen Ss, non esattamente “Ss combattenti”, né “Ss armate”) era una pura e interessantissima miscellanea al comando bulimico di Himmler, composta (a parte i soli volontari germanici non tedeschi fino al 1943 e i volontari non germanici dal 1943) da Ss militari (Ss-VT, tra qui Ss-LAH della guardia di Hitler), Ss politiche (Allgemeine-Ss himmleriane) in servizio a tempo parziale militarizzate per la guerra, i poliziotti della ORPO più idonei al servizio al fronte, la sotto-milizia Ss professionale dei guardiani di Lager ante 1939(ma anche miliziani armati e idonei al combattimento), i militari non Ss, i coscritti volontari per la guerra e i puri coscritti di leva (dopo Stalingrado).

    La “statolatria latina” rimproverata dai tedeschi a Roma era lontana, a vantaggio di unità semi-feudali.

    Durante la guerra, il 5% di questi 500.000 tedeschi del Reich, dei 250.000 tedeschi etnici dei territori extranazionali, e qualche legionario germanico non tedesco, servì nei lager come complemento ai nuovi guardiani del tempo di guerra, anziane Ss politiche richiamate. Ci si finiva se in convalescenza dal fronte, trasferiti per incompetenza al fronte e altri motivi disciplinari.

    Oltre alla percentuale esigua dei soldati diventati guardiani di recinto esterno, nessuno storico di nessuna estrazione ha mai differenziato i lager, soprattutto fino al 1941, dalle colonie penali, gulag, ecc. nel mondo intero.

    C'è poi l'assistenza ai commando operativi della polizia di sicurezza e della loro massa di ausiliari baltici e slavi nelle operazioni di bonifica di partigiani e nemici per il Reich, assistenza comune a qualsiasi truppa di terra indifferentemente, anche se alle truppe di Himmler (le Waffen Ss e la Orpo) anche se con potenti padrini autonomisti a volte era richiesto qualcosa di più.

  4. max ha detto:

    Il film cui si fà riferimento è " La notte dei generali" il cui protagonista, nei panni del generale sadico , paranoico e assassino ,nonchè amante dell'arte, è il grande Peter O' Toole.

  5. Quello sopradescritto non è "nazismo magico" nel senso comune. Non si può cancellare in un sol colpo tutto il bagaglio culturale e ideologico ideale ma anche genuinamente scientifico, romantico-politico germanico dei paesi di cultura nordeuropea, credendo che siano di spirito “marmoreo”, materiale lineare e solare come i movimenti mediterranei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *