Huginn e Muninn

Blog del Centro Studi La Runa



Categoria: Libri

Segnalazioni e recensioni di libri

L’epistolario di Adriano Romualdi

17 settembre, 2013 (16:04) | Autori, Libri | Di: admin

lettere

Dopo un nuovo periodo di inattività aggiorno il blog per segnalare un’ulteriore novità romualdiana alla quale, su gentile invito del prof. Renato Del Ponte, ho collaborato nei mesi scorsi.

È infatti appena uscito, per le Edizioni Arya di Genova, Lettere ad un amico, che raccoglie la corrispondenza di Adriano Romualdi con Emilio Carbone del periodo 1967-1971, oltre a diversi documenti inediti e fotografie. Il prof. Del Ponte, curatore del libro, ha scritto una lunga e interessante premessa; io ho curato l’introduzione e la bibliografia in calce.

Due lettere di questo epistolario erano state pubblicate dieci anni fa sull’ultimo numero di «Algiza» (16/2003, p. 4); altre due nel 1998 su «Arthos» (3-4/1998, pp. 121-125).

Il volume conta 176 pagine e costa 20 euro; può essere ordinato direttamente all’editore o reperito presso queste librerie.

Adriano Romualdi e la rivoluzione conservatrice

29 marzo, 2013 (19:15) | Autori, Libri | Di: admin

correntiDopo una gestazione durata circa un decennio è uscita per Settimo Sigillo la nuova edizione del saggio di Adriano Romualdi Correnti politiche e ideologiche della Destra tedesca 1918-1932, da me curata e introdotta. E’ stato aggiunto il sottotitolo La Rivoluzione conservatrice: forse si sarebbe potuto audacemente utilizzarlo come titolo, probabilmente più semplice e memorizzabile, ma alla fine si è preferita la continuità, mantenendo quello della prima edizione.

Il libro costituisce la rielaborazione della tesi di laurea in storia contemporanea di Romualdi, discussa nel 1968 (in maniera semiclandestina) con Renzo De Felice e Rosario Romeo; la prima edizione fu pubblicata postuma nel 1981 dal padre Pino per le Edizioni de L’Italiano.

Questo l’indice del libro:

La Germania di Adriano Romualdi (Alberto Lombardo)
Prefazione (Franco Petronio)
I. La “rivoluzione conservatrice”: correnti ideologiche e politiche della Destra all’epoca della Repubblica di Weimar
Delimitazione spazio-temporale della “rivoluzione conservatrice” tedesca
La “rivoluzione conservatrice” nella realtà sociale tedesca
La “rivoluzione conservatrice” nella realtà europea dell’epoca
Suddivisioni e correnti in seno alla “rivoluzione conservatrice”
La letteratura sulla “rivoluzione conservatrice”
La “rivoluzione conservatrice” in relazione al nazionalsocialismo
Saggi d’interpretazione della “rivoluzione conservatrice”
II. La guerra mondiale e la “crisi dell’ideologia tedesca”
III. La critica alla Repubblica di Weimar: Moeller van den Bruck, il “Terzo Reich” e l’orientamento verso Est
IV. Oswald Spengler e i circoli neo-conservatori
V. Il movimento giovanile tedesco e le utopie neo-romantiche
VI. Le formazioni paramilitari e lo “spirito del fronte”
Appendice bibliografica
Indice dei nomi.

Il libro conta 182 pagine e costa € 20,00; può essere ordinato alla Libreria Europa.

Libri di fine anno

6 gennaio, 2012 (11:14) | Libri | Di: admin

Le Lettere a Mircea Eliade di Julius Evola, oltre all’evidente interesse che rivestono, hanno il merito di rimettere ordine nella questione dei rapporti tra i due studiosi, che sono oggetto di pubblicazioni da molti anni: i tanti saggi pubblicati sull’argomento, che avevano finito per rendere un po’ caotica la materia, vengono qui ben riepilogati.

Ho finalmente letto un libro che avevo desiderato per anni, Il nomos della terra di Carl Schmitt. E’ veramente un testo che chiarisce concetti, stabilisce nessi, sviluppa idee, spaziando in molti campi diversi. Nella forma è un libro di storia del diritto internazionale, ma nella sostanza è un libro di filosofia politica. Ed è particolarmente rilevante per l’evidenza odierna del trapasso del diritto internazionale classico e l’ascesa di un nuovo diritto, se ancora si può chiamare così, che non ha più nomos – il suo fondamento territoriale – ma la cui radice ultima sembra essere un ibrido tra correttezza politica, rectius “valori”, e interesse particolare: mostro che compiace sufficientemente la superficialità contemporanea.

Mentre su Il nomos della terra sono rimasto per oltre un mese, Con Borges di A. Manguel mi ha preso poco più di un’ora. E’ piacevole come lo sono in genere le biografie per aneddoti. Di Borges e Bioy Casares ho letto successivamente i Racconti brevi e straordinari, pubblicato da Franco Maria Ricci, il cui gusto editoriale così barocco e femminile – stando a quanto riporta Manguel – provocava una gran irritazione a Borges.

Marco Zagni mi ha fatto avere tramite l’editore Mursia il suo ultimo libro, il corposo La svastica e la runa, che costituisce la prosecuzione più o meno esplicita del precedente Archeologi di Himmler (ed. Ritter). Probabilmente si tratta del testo più ricco di informazioni sull’Ahnenerbe pubblicato sinora in italiano; vi si possono trovare una gran quantità di riferimenti a fatti, biografie, riviste e case editrici, teorie, vicende storiche; i numerosi capitoli sono seguiti da documenti pertinenti e spesso tradotti per la prima volta. L’autore ha letto una gran mole di testi in diverse lingue e svolto una preziosa opera di riunione di materiale sparso. E’ davvero un peccato che nelle mani di Marco Zagni non sia capitato Deus Invictus di Franz Altheim, nella cui introduzione del prof. Giovanni Casadio l’autore avrebbe trovato elementi di straordinario interesse: non soltanto sul coinvolgimento dello stesso Altheim nell’operato dell’Ahnenerbe, ma anche sulle missioni all’estero che vennero pianificate e gestite dall’organizzazione di Himmler. La parte più curiosa del libro è quella in cui Zagni fa confluire le teorie e le ipotesi di lavoro degli studiosi Ahnenerbe e le esperienze della “ricerca di frontiera” odierna, per esempio con riguardo a certa archeologia sudamericana, lasciando intravedere alcune convergenze veramente curiose.

Dopo i soliti Simenon interlocutori (Maigret e l’omicida di Rue Popincourt e La pazza di Maigret) mi son goduto il bel librone fotografico Arctica. Esplorare i poli, che contiene immagini di eccezionale bellezza di alcune spedizioni dell’epoca eroica, in particolar misura dei viaggi antartici di Scott e Shackleton.

Libri alla rinfusa

31 ottobre, 2011 (18:38) | Libri | Di: admin

Traccio l’ormai solito aggiornamento delle ultime letture aggiungendo, questa volta, anche due titoli che avevo dimenticato di menzionare in precedenza: libri che avevo letto in estate e che, tra uno spostamento e l’altro, avevo finito per non appuntare. Si tratta dell’Hávamál, curato da Antonio Costanzo per Diana Edizioni, e di La terra dell’anima di Paolo Gismondi (Montedit).

Il primo è un breviario di teologia indoeuropea, e ancor più un insieme di norme comportamentali, massime etiche, interpretazioni magiche. Al tempo stesso, rispecchia in modo esemplare  quella visione del mondo islandese di cui è uno dei più mirabili prodotti letterari. Particolarmente meritevole il lavoro svolto dal curatore, che ha applicato un metodo di lettura al tempo stesso attento ai dettagli filologici e alla comprensione del significato profondo, con numerosi e pertinenti paralleli con altri importanti testi indoeuropei, da Roma all’India.

La raccolta di Paolo Gismondi La terra dell’anima è un interessante viaggio personale in forma di poesia, con la peculiarità che l’autore si pone di fronte al mondo in modo radicalmente critico, giacché la sua prospettiva è quella di un tradizionalismo rigoroso. Alcune letture lasciano il segno sulla personalità. Chi si accosta al tradizionalismo negli anni della giovinezza, se è persona coerente, non può che accettare o respingere in toto il capovolgimento mentale, e in certa misura anche spirituale, che questo comporta; una simile rivoluzione interiore non è indolore, e l’equilibrio dato da tanti puntelli crollati deve essere ricostruito su nuove basi più solide. La terra dell’anima, a mio avviso, affronta con coraggio anche questi sommovimenti e il sorgere di una consapevolezza più dura e severa.

Ammetto di aver sempre subito il fascino delle copertine. Per mesi ho visto nella vetrina di una libreria il libro di Bruna Pompei Eugenio Wolk “Lupo” comandante dei Gamma della Decima Mas (Ritter), e l’immagine che vi campeggia ha continuato come un tarlo a incuriosirmi. Il volto di Wolk in tenuta da palombaro mi ha destato una tale simpatia che alla fine ho comprato il libro per leggere della vita avventurosa di Wolk. Particolarmente interessanti i dettagli dell’impresa della marina italiana a Gibilterra, corredati di foto e cartine che non avevo mai visto prima.

Sempre in tema di storia militare H.U. Rudel, Il pilota di ferro, in una vecchia edizione Longanesi; mi pare che il libro sia stato ripubblicato recentemente con un titolo modificato. E’ l’autobiografia dell’unico militare mai insignito della Croce di Cavaliere con Fronde di Quercia in Oro, Spade e Diamanti. Ferito gravemente più e più volte, sempre impegnato sul fronte dell’est, Rudel distrusse una quantità impressionante di carri armati, mezzi corazzati, navi, aerei e installazioni militari. Rimase integro anche dopo la catastrofe.

Mi è piaciuto il curioso Manuale di zoologia fantastica di J.L. Borges e M. Guerrero, di cui aveva scritto anche Alfonso Piscitelli sul sito, in un articolo intitolato Animali e uomini. Io ho letto però l’edizione Einaudi, il cui originale deve essere precedente, e lievemente più breve, rispetto a quella Adelphi. Questo libro che parla di curiosi animali fantastici, in larga misura nati dall’unione di animali reali, induce a singolari associazioni di idee.

Ho letto il brevissimo e meritevole libretto di Nino Codagnone, Lo strano naufragio del piroscafo postale Santa Lucia (Mursia), nel cui titolo forse si sarebbe potuto omettere l’aggettivo “strano”, giacché la storia di questo affondamento è certamente triste, ma non rappresenta un fatto eccezionale o raro in tempo di guerra.

Come per altri autori, anche con Adolfo Bioy Casares sono incappato in un libro (Un leone nel parco di Palermo, Einaudi) che raccoglie vari racconti, la maggior parte dei quali avevo già letto in altre antologie. Poi l’immancabile giallo di Simenon (Maigret e l’uomo solitario).

Infine, smentendo parzialmente quanto ho scritto poche righe sopra, devo aggiungere che talvolta leggo anche libri a dispetto delle loro copertine repellenti; al punto che ho letto Il grande viaggio in slitta di Knud Rasmussen (ed. Quodlibet), che nessuno sano di mente si sognerebbe di acquistare se si limitasse a giudicare dalle apparenze. In effetti questa casa editrice parrebbe voglia competere con Guanda nel triste primato delle copertine più oscene del panorama editoriale italiano.

Ad ogni modo si tratta di uno dei più bei racconti di viaggio e di esplorazione che mi siano capitati tra le mani. Rasmussen, danese nato in Groenlandia, fu uno degli ultimi grandi esploratori artici: condusse sette campagne di studi tra gli eschimesi, tutte sotto il nome di Thule, facendo scoperte di grande rilievo sotto il profilo etnografico. I suoi resoconti vengono accostati ai romanzi del Grande Nord di Jack London, e il paragone non è eccessivo.

Tra le curiosità annotate, Rasmussen notava con un certo stupore che i nomi dati dagli eschimesi ai loro villaggi nella Terra di Baffin e in America ripetevano in modo esatto quelli groenlandesi: si tratta dell’evidente conferma di un modello antropologico che si è ripetuto molte volte nel tempo, come ha dimostrato anche Felice Vinci con il suo Omero nel Baltico.

Dodici libri

5 settembre, 2011 (14:22) | Libri | Di: admin

Getto il tredicesimo sassolino bianco, per tener traccia del mio itinerario attraverso le letture, annotando quelle degli ultimi cinquanta giorni circa.

Ho terminato Lernet-Holenia, con L’uomo col cappello e Avventure di un giovane ufficiale in Polonia. Il primo è particolarmente interessante; come in altri romanzi dello stesso autore la trama della realtà si sfilaccia, lasciando intravedere l’elementare o il mito (in questo caso quello nibelungico). Peccato che non mi resti altro tradotto in italiano.

Poi un paio di libri di puro svago: Luci nella notte di Simenon ed Esercizi di stile di Queneau, tradotto e introdotto da Umberto Eco – l’antipatia nei cui confronti mi aveva lungamente fatto desistere dalla lettura. Il semiologo sovrappeso conosce bene le figure retoriche, però almeno queste non riesce a piegarle al suo ghiribizzo buonista e politicamente corretto.

Ho letto con vero piacere, e nel luogo giusto – perché alcuni libri richiedono proprio un tempo e un luogo precisi per consentire la sintonia – L’onda del tempo e Percorsi d’acqua di Stenio Solinas, che tenevo da parecchio tempo, come due preziose bottiglie, a invecchiare in libreria. Da tanti anni apprezzo Solinas; credo sia una delle penne migliori del giornalismo odierno. Spesso i suoi articoli mi hanno reso meno penosa la lettura del quotidiano (quando leggo Il Giornale). Il fatto che entrambi i libri, poi, incrocino viaggi, nuoto e letteratura – e tanti autori che ho letto anch’io – me li ha fatti particolarmente apprezzare, ed è anche accaduto l’evento eccezionale che siano stati letti da alcuni familiari.

Poi il celeberrimo Settembre nero di Trizzino, che chissà perché non avevo mai letto, nonostante la sua importanza. A grandi linee quel che racconta – il tradimento dei vertici col grembiule della Marina durante la seconda guerra mondiale – mi era già noto, ma non lo avevo mai trovato spiegato in modo così semplice e dettagliato.

Dopo un altra minuta curiosità, i Romanzi in tre righe di Fénéon, ho letto la biografia di Fridtjof Nansen scritta da Jon Sörensen. Un po’ iperbolica nei toni, ma effettivamente la vita di Nansen è stata straordinaria. Mi affascina più l’esploratore del premio Nobel per la pace, ma è questione di inclinazione.

Poi la biografia di Joseph Goebbels di Viktor Reimann (ed. Ciarrapico), che nonostante l’inevitabile correttezza politica che gli deriva dall’essere stata scritta dopo la catastrofe riesce ugualmente a evidenziare, insieme ai limiti, la grandezza e la genialità del Ministro della Propaganda. Inoltre La repubblica di Mussolini di Felice Bellotti, che racchiude parecchie informazioni riservate – non so però quanto affidabili – sui retroscena di Salò. Ma prevale, nel leggerlo, il dispiacere nel constatare come un uomo che ha indossato le doppie rune scriva con acrimonia e persino disprezzo di tanti suoi camerati che, solo due anni prima, sono caduti per quello stesso ideale che lui invitava strenuamente a difendere dalle colonne di Avanguardia. Ottimo, poi, Infierire di Anna K. Valerio (Edizioni di Ar), che mi è stato prestato. Di solito non apprezzo molto i libri scritti da donne, ma qui c’è da restare stupiti per un gusto della radicalità oggi sempre più raro.

Adesso sto terminando La scoperta del polo nord di Robert E. Peary: l’americano che alcuni considerano il primo ad aver raggiunto quel punto dove tutti i venti spirano da sud e vanno verso sud, sebbene sia assodato che, in buona fede o meno che fosse, non vi giunse mai. Purtroppo, nonostante la bellezza (e rarità) del libro, il testo è molto meno appassionante di altri resoconti di spedizioni artiche, come Fra ghiacci e tenebre di Fridtjof Nansen o La stella polare nel mare artico del Duca degli Abruzzi.