Georges Simenon, l’incompreso di successo

Roberto Alfatti Appetiti

I numeri: quarant'anni più tre, sposato con Laura da quattordici, padre di tre bambini, autore di qualche centinaio di articoli sparsi qua e là. Giornalista appassionato di cultura pop, fumetti e narrativa, ha collaborato con una dozzina di testate e dal 2006 scrive soprattutto per il Secolo d'Italia. Roberto Alfatti Appetiti cura il blog L'eminente dignità del provvisorio.

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. TemaTeam ha detto:

    Ci permettiamo sommessamente di rimandare alla lettura di "Maigret e il caso Simenon" una biografia uscita in varie edizioni in Italia, l'unica scritta da un italiano, il giornalista Maurizio Testa, tradotta e pubblicata in Francia, Belgio francofono, Svizzera tedesca, Austria e Germania. La biografia è riportata anche dal sito del Centro Studi Simenon, presso l'Università di Liegi, da Wikipedia e citata dal fondamentale "Autodictionnaire Simenon", di Pierre Assouline.
    Testa è anche il gestore del blog Simenon-Simenon (http://www.simenon-simenon.com), che riporta quotidianamente informazioni, news, e aggiornamenti sulla biografia, sulla vita e sull'attualità che riguarda lo scrittore. Anche questo è citato su Wikipedia e nel sito della più qualificata e famosa associazione di simenoniani "Les Amis de SImenon".

  2. Andrea Di Cesare ha detto:

    GEORGES SIMENON – LA VOCE DEL PLAGIO E DELL’ALIENAZIONE MODERNE

    di Andrea Di Cesare

    A una lettura di alcuni romanzi di Georges Simenon (non me ne sono serviti molti per capirlo) ho compreso quanto di dispendio tecnico vi fosse contenuto, a detrimento di una sentita (non criminologica o naturalistica tout-court) analisi psicologia dei personaggi e delle vicende. La puntuale, ordinata, asettica, fredda dissezione della psiche dei suoi personaggi (come posti al di sopra di un tavolo autoptico), mi rende la lettura dei libri di Georges Simenon sgradevole come il toccare il corpo freddo di un cadavere. Detto questo a puro scopo introduttivo, vorrei aprire al tema del plagio tecnologico/tecnocratico dei tempi odierni, e ai suoi nessi con l’arte e la letteratura soprattutto (sempre facendo riferimento a Georges Simenon come paradigma di una certa forma di “arte”).

    Ciò che della tecnologia più si nota in maniera palese, è la serialità, la ripetitività e la separatezza delle azioni dalla sfera affettiva che il suo uso comporta. Così come “noi” mettiamo un “mi piace” su un profilo di Facebook, o come consultiamo il catalogo di immagini di un sito di automobili, o di donne nude, in maniera appunto fredda ed emotivamente impartecipe, così mi sembra che Georges Simenon dissezionasse i personaggi dei suoi romanzi, in una resa narrativa ripetitiva, opaca, senza alcuna profondità.

    Potremmo dire che scrittori come Georges Simenon – il cui tecnicismo è arrivato ai giorni nostri, anche in tanti suoi epigoni o “artisti” che concepiscono l’arte come espressione di una cultura di massa e meramente “ingegneristica” – siano funzionali a un “Mercato” dei corpi deprivati di Anima, a un “commercio” di idee che hanno la precisa funzione di plagiare il lettore, inculcandogli l’idea che l’intera società altro non sia che un meccanismo ben oliato, suddiviso in parti molteplici (ogni singolo individuo), ognuna delle quali debba compiere delle azioni seriali, ripetitive, alienate (alienare se stesso), in nome del bene complessivo dell’intero meccanismo (la società tutta), e per non esserne estromessa o messa ai margini.

    Il plagio sta nell’accettazione di un’alienazione di sé, che la psicologia (od anche la psicoanalisi) scienza ben nota a Georges Simenon, è abituata a chiamare “sublimazione”.

    Sublimare il disordine, sacrificare il proprio sé pulsionale, in nome di un principio gerarchico sovrapersonale, che ci sovrasta, è il nocciolo delle scienze psicologiche, ancorché la cifra dei personaggi alienati di Georges Simenon, e della sua stessa mente alienata.

    La sua scrittura, e la sua vita, potremmo raffigurarcele come un unico atto pornografico, scambiato da taluni critici per “genio”.

    Difatti, Georges Simenon è stato notoriamente uno scopatore seriale di donne ridotte a puro oggetto/cosa, così come è stato uno scrittore (direi, compilatore) seriale di romanzi privi di alcun afflato vitale, di guizzo intelligente o di Anima.

    Andrea Di Cesare

Rispondi a TemaTeam Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *