Gender ed eroticamente corretto. Le tesi di Adriano Scianca

Giovanni Sessa

Giovanni Sessa è nato a Milano nel 1957 e insegna filosofia e storia nei licei. Suoi scritti sono comparsi su riviste e quotidiani, nonché in volumi collettanei ed Atti di Convegni di studio. Ha pubblicato le monografie Oltre la persuasione. Saggio su Carlo Michelstaedter (Roma 2008) e La meraviglia del nulla. Vita e filosofia di Andrea Emo (Milano 2014). E' segretario della Scuola Romana di Filosofia Politica, collaboratore della Fondazione Evola e portavoce del movimento di pensiero "Per una nuova oggettività".

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. fabio ha detto:

    Siamo daccordo nella contrarietà e il rifiuto della teoria del gender ma non lo siamo su alcune conclusioni tratte dall’autore, almeno a quanto risulta dall’articolo. Il progetto cristiano è quanto di più lontano possa esserci dalla suddetta teoria:” Uomo e donna li creò”, per non contare tutte le affermazioni ben chiare a proposito del rapporto uomo-donna espresse nei Vangeli, a ciò si aggiungono la predicazione di San Paolo di Tarso e di San Pietro. Si aggiunga anche il fatto che Gesù non affronta più di tanto la questione dell’omosessualità nella predicazione riportata dagli evangelisti perchè svoltasi in un contesto già fortemente avverso a tale pratica, come espresso nel Levitico. La Sacra Scrittura dunque è chiara ed è così chiara che un apprezzato studioso dell’omosessualità, Hermannn Hartfeld, pastore protestante a Zurigo, afferma che, nonostante i costumi dei popoli vicini, il mondo giudaico cristiano ha rifiutato sempre e risolutamente ogni pratica omosessuale” (Cfr: H. Hartfeld, Homosexualität im Kontest von Bibel Theologie und Seelsorge).
    Scianca ha ragione quando afferma che la teoria del Gender rappresenta il momento apicale del culto dei diritti dell’uomo e proprio per questo è assurdo trovare un punto d’unione con il progetto cristiano. Il principio di autodeterminazione e della volontà del singolo individuo, assunte come criterio ordinatore della vita post-moderna, contrastano pienamente con “Sia fatta la Tua volontà”. La teoria gender ha a che fare, invece, proprio con la secolarizzazione del Continente Europeo e l’abbandono della fede in Cristo. La lotta alla tradizione e, in questa, all’identita storica, filosofica e religiosa ha avuto la sua ufficializzazione nel rifiuto al riconoscimento delle radici cristiane come punto fermo di riferimento della Cultura Europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *