Furono crimini, ma democratici

Potrebbero interessarti anche...

17 Risposte

  1. Giuseppe Vasta ha detto:

    Ottimo commento, largamente condivisibile (mi sembra però che sui morti in Ucraina se ne parli eccome). Fra le mostruosità commesse nella seconda guerra mondiale, vorrei che non ci si dimenticasse di Hiroshima, vicenda impietosamente indagata in modo approfondito ad esempio in "Oppenheimer" di Bird e Sherwin.

    L'importante insomma è sempre cercare di guardare la realtà per cercare di capirla, senza abbandonarsi a luoghi comuni o tanto meno a logiche di schieramento.

  2. Giuseppe Vasta ha detto:

    solo per chiarezza, il mio commento delle 8.21 era riferito a gigi, quello successivo l'ho visto solo ora

  3. Giovanni ha detto:

    Sarebbe bello vivere nel mondo ampiamente informato di cui parla Giuseppe Vasta

  4. mpicasso ha detto:

    Come volevasi dimostrare, belle e inutili chiacchiere da salottino radical-chic.

    Hai ragione, Giovanni: sarebbe bello. Il mondo, quello delle informazioni embedded, quello politicamente corretto, quello Criminale insomma, non ti consente di informarti. Men che meno con facilità. Chi fa ricerca storica (scomoda) nella europa schiava dei vincitori è arrestato, messo alla berlina, multato, sollevato dai suoi incarichi. Chi consente questo ha un nome ed un cognome, e molti complici, inclusi quelli che usano parole ammiccanti, quelli che si mascherano dietro a termini come ricordo, democrazia; quelli che non vogliono, loro no! risultare di parte; quelli che prendono per buona la disinformazione coatta del sistema cui partecipano attivamente, poichè vuoi per logiche di lordo danaro o potere, vuoi per limitazioni intellettive è quella più comoda per loro e chi la contrasta è un pericolo. Ceeertoo! Informati, fai bene-ti dicono. Ma guai a farlo usando fonti non segnate dal crisma dll'ortodossia. Guai a dire qualcosa di….proibito. Sssssh! Aaah, un bel colpo di spugna, lo darei ben volentieri a questo universo della finzione!

  5. mpicasso ha detto:

    Non avrei voluto ancora abusare della cortesia del moderatore. Ma talvolta non è possibile fare altrimenti.

    Qui comunque l'argomento, vivaddio, sono i crimini degli alleati, i più grossi criminali conosciuti sin'oggi dato che uccidono indisturbati da più di ottant'anni.

  6. gigi ha detto:

    Ringrazio Vasta per l'apprezzamento. Nel merito dei temi qui trattati non ho problemi a dichiarare la mia scarsissima preparazione, per cui mi sembrano nuove ed ancora piene di interesse informazioni che altri da tempo già conoscono compiutamente. Come me, la maggior parte delle persone che conosco. Se non annoio ciò che conosco direttamente dei bombardamenti: mia madre, ragazzina, lasciò Milano per sfollare sui monti; mio padre,quindicenne, trasportava legna da un paesino sino a Milano,ricorda benissimo il "Pippo" alleato che mitragliava ogni cosa si muovesse sulle strade,ogni persona. Per contro ho conosciuto una persona fucilata a quindici anni come pericoloso partigiano, salvatosi perchè creduto morto. Altri tredicenni, ed anche più giovani,o anche ottuagenari,restarono lì. Le mie informazioni, in estrema sintesi, sono queste, dunque ascolto con attenzione chi fa ricerca storica ed ha qualcosa da insegnarmi.

  1. 18 giugno 2014

    […] de cover , arhiva Centro Studi La Runa, o groapa de cadavre din bombardamentul de la Dresda din […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *