Cento anni Robert Brasillach

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. L'articolo è splendido e commovente! Commovente per me perchè conoscendo Brasillach, che ho amato tantissimo, ho conosciuto e scelto il M.S.I. all'età di 16 anni.

    Passavo ogni pomeriggio davanti la sede del M.S.I per recarmi in Conservatorio, al Rossini di Pesaro. Sono della Provincia, anzi nuova Provincia Picena, nuova in tutti i sensi perchè dopo anni ed anni di deleteria, angosciante politica rossa, finalmente è sceso il sipario! Cominceremo a respirare aria nuova.

  2. Giuseppe La Mantia ha detto:

    l'articolo è lucido,sintetico,sentimentale , a tratti commovente ,per chi come me ,nelle scelte ideali e politiche controcorrente, si è nutrito nel mito mistico eroico di Brasilach ed altri autori " maledetti e sognatori ", che con il loro coraggio ci hanno fatto vivere con entusiasmo sogni ed esempi di una vita militante, difficile, orgogliosa , tradita dai mestieranti che dei sogni altrui hanno avuto scranni parlamentari finendo nell'oblio, nella vergogna e nel disonore, in sintesi restare se stessi sempre , nel presente e accettarsi, in un mondo sempre più globalizzato dove anche i governi diventano filiazione della Trilateral e della Goldman Sachs.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *