Un profeta contro il deserto della tecnocrazia

Rileggendo a distanza di trent’anni Al muro del tempo, che ora Adelphi ripropone in una nuova edizione, si può intuire perché Ernst Jünger negli ultimi anni della centenaria vita abbia concluso il suo viaggio attraverso il deserto nichilista nella comunione cristiana. Certo, quel libro risentiva ancora della lezione nicciana, ma già ne faceva presentire un possibile superamento. Lo scrittore tedesco avvertiva profeticamente che l’umanità era giunta a una svolta epocale: troppi sintomi la denunciavano, anzi la denunciavano poiché essa non si è ancora conclusa; siamo infatti nel mezzo del guado di cui non conosciamo la fine. Lo sviluppo straordinario, inarrestabile, della tecnica, che egli giudicava una “proiezione dello spirito”, la globalizzazione, l’aumento vertiginoso della popolazione mondiale, l’accelerazione temporale nella vita collettiva e individuale, le nuove forme di procreazione artificiale, la proiezione mediante le imprese spaziali verso altri pianeti, preannunciano una mutazione che sta cambiando il volto della terra ma anche il tipo umano. Che cosa nascerà di là dal “muro del tempo” è difficile capirlo. Jünger s’interroga su questo argomento accumulando domande, inquietudini, giudizi, che sono attuali ancora oggi come stimolo a una riflessione che si ponga di là dal nevrotico ritrarsi in un pessimismo da “profeti di sventura”, ma anche di là dall’ottimismo progressista, oggi radicato nel liberalesimo faustiano. Era nello stesso tempo consapevole dei pericoli che si corrono qualora dovesse prevalere la mentalità tecnocratica, ovvero l’ideologia secondo la quale alle ragioni della tecnica si debba subordinare ogni altra considerazione: “La prospettiva più spaventosa è quella rappresentata dalla tecnocrazia, una sovranità sotto controllo, esercitata da spiriti mutili e mutilanti”. Auspicava un approccio articolato e complesso alla realtà che permettesse di inserire lo sviluppo tecnico in un progetto globale più armonico.

 

Speciale Ernst Jünger Il visibile, il creato, il manifestato, non è infatti soltanto misurabile, può essere oggetto di approcci diversi, fra di loro complementari. La luna, ad esempio, può essere vista, studiata, contemplata sia da un punto di vista astronomico e chimico, sia mitico e fisiognomico. “Entrambe le qualità – scriveva – possono essere riunite in forma sinottica, se la mente ne ha la facoltà. In questo caso il salto è riuscito: il salto verso l’origine; e dalla coincidenza prospettiva degli opposti scaturisce stereoscopicamente una nuova dimensione, che non solo li unisce in senso spaziale ma li eleva pure qualitativamente”. Parallelo a questo approccio conoscitivo Jünger sentiva la necessità di un ancoramento dell’uomo nel suo profondo, di là dalle ragioni storiche; anche perché la pura potenza e ricchezza, come le ragioni del lavoro, non possono appagare chi non è radicato in un fondamento che le trascenda. È infatti la mancanza di senso, di prospettiva a sottrarre all’uomo la felicità, il sentimento di vivere armonicamente; per questo motivo la forma di pianificazione e globalizzazione attuale suscita in molti inquietudine, se non un profondo pessimismo, anche perché tende a uniformare la terra a una ratio ispirata al solo criterio della efficienza. Ma la vita non può essere ridotta a quella sola dimensione. È indispensabile intuire, trovare, ancorare a “qualcosa d’altro”. “Questo – soggiunge Jünger – è senza dubbio il compito delle religioni, cui ogni persona di senno, anche qualora non ne senta il vincolo, darà nei grandi conflitti il proprio sostegno, là dove, per esempio, esse sono alla mercé del razionalismo ateistico della pianificazione, con tutta la sua arroganza”.

 

Sul filo dei capitoli emergeva continuamente questa sua preoccupazione: Jünger avvertiva la necessità che forze spirituali superiori orientassero il potente movimento in corso. Tuttavia giudicava insoddisfacenti per l’uomo contemporaneo le religioni esistenti, quasi non riuscissero più ad appagare la ricerca di Dio; né riusciva a concepire una “fede in dei personali”. Eppure ripeteva continuamente che l’uomo educato dalla Ragione illuministica sentiva che l’ateismo non era sufficiente. Il suo oscillare fra un desiderio di fede e un rifiuto della Rivelazione, così come le sue vaghe esortazioni a un ancoramento trascendente, sembrano anticipare quel proliferare di ricerche, di approcci, di adesioni a nuovi culti che è uno dei “segni dei tempi”. Ma a circa trent’anni da questo libro l’incontro con un sacerdote gli permetteva di rispondere ai suoi interrogativi, di concludere la nichilistica “traversata del deserto”.

 

* * *

 

Tratto da Avvenire del 4.IV.2000.

  1. Andrea Di Cesare
    | Rispondi

    LA TECNO-SCIENZA e il DIVENIRE

    Il Progresso è l’anima stessa del Divenire. Si potrebbe ipotizzare un’Involuzione quale sorta di Divenire al contrario, del regresso anzichè del progresso. Sì… Ma quando si parla di divenire, lo si ritiene legato a un progredie anzichè a un regredire. Le teorie dell’Involuzione appartengono a una Filosofia che è morta col suo stesso creatore: Julius Evola. Eppure, egli ipotizzò una Involuzione, che farebbe sì che la nostra sia una Civiltà che stia involvendo, discendendo da antichissime forme evolute che siano andate sempre più e più crespuscolarizzandosi. Julius Evola chiamò l’Uomo moderno, appunto, “Uomo Crepuscolare”.
    Ma prendiamo le mosse dal Progresso come nella maggior parte dei casi viene inteso, come una Evoluzione, in un Positivo Divenire, secondo il pensiero corrente, che è la maggioranza del pensierio, appunto, perciò, adeguiamoci, pena, l’Ostracismo…
    @@@
    La velocità del Progresso ha cambiato in maniera irreversibile il mondo in cui viviamo già da quello che era solo dieci anni fa.
    La digitalizzazione e la sempre crescente automazione, pongono problemi di tipo sociale, etico, politico, sanitario. C’è da domandarsi, se coloro che portano avanti lo scettro della tecno-crazia ne siano consapevoli, o meno. Sì. Diremmo che ne siano oltremondo consapevoli. Tuttavia, si ostinano su questa strada, che porterà l’Uomo, nel giro di pochissimi anni, a fare i conti con:
    – crescente nuemro di disturbi mentali, di dipendenze, di comportamenti devianti;
    – di suicidio, omicidi, atti di violenza;
    – disoccupazione;
    – per i pochi che lavoreranno, uno spostamento sempre più in avanti dell’età pensionabile;
    – un conseguente aumento di tempo libero, che non corrisponderà a un aumento di interessi e di attività culturalmente degne di questo nome (tempo libero che spesso verrà occupato da svaghi deteriori, che faranno ingrassare i conti economici di telefonia, aziende semi legali dedide alla diffusione del gioco d’azzardo, pornografia… ecc…);
    @@@
    Perderemo una quantità spaventosa di posti di lavoro. Inoltre, l’uso della tecnologia per modificare il nostro corpo, farà sì che arriveremo a modificare parti vitali che ci caratterizzano come esseri umani, dall’organo in cui risiede la nostra coscienza, il cervello, al DNA. Ciò porterà a una sempre maggiore ibridazione dell’Essere Umano con le Macchine, tanto da non permetterci più di comprendere appieno cosa sia “naturale” e cosa “artificiale”.
    @@@
    Si profila il timore che le macchine possano avere il sopravvento, e che presto i Robot ci comanderanno. La stessa tecnologia di questi robot, è però alla base anche di interventi sul nostro corpo, in grado di potenziarci. Lo sviluppo dell’una, è strettamete legato allo sviluppo dell’altra.
    @@@
    I processi decisionali dell’economia sono molto più veloci dei processi decisionali della politica. Così, la politica è impreparata a fare fronte ai pericoli di questo stato di cose, a fronteggiare, con adeguate misure di tipo “etico” e “sociale” a salvaguardia dell’Umanità, una deregolamentazione di tutte le nostre certezze, abitudini, culture, che seguirà sicuramente all’impatto negativo che la digitalizzazione e la completa automazione avranno sulle nostre vite. Tecnologizzazione completa che, allo stato attuale, è portata avanti da logiche economiche molto veloci.
    C’è però una politica che potremmo definire a-priori (occulta) che non è la politica dei Governi, dei Premier, di tutte quelle figure istituzionali che vediamo la sera al telegiornale, ma fatta di una élite oscura, occulta, che avrebbe deciso da tempo da che parte sarebbe dovuta andare l’economia. Questa politica sta sopra tutto, sta sopra l’Economia e tutto il resto, è in cima alla Piramide. Ma non è questa la sede in cui parlarne.
    @@@
    Se la tecno-scienza è stata svuotata del suo semplice significato di “mezzo” utile a raggiungere un certo “fine”, sembra anzi apparire come un vero e proprio “apparato” volto ad auto-affermarsi secondo una propria logica. Stando così le cose, sarebbe auspicabile stabilire un limite etico al continuo, DIVENIRISTICO e PROGRESSISTICO incremento tecnico-scientifico? O No?

Rispondi a Andrea Di Cesare Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.