Principi di formazione del carattere

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. beppe ha detto:

    Grazie.

  2. Kaisaros ha detto:

    L'articolo,come gli altri della categoria "Tradizione Solare",

    risuona di un'armonia,di un ordine e di una chiarezza

    che sono esclusivi di tale spirito,appunto Solare.

    Tale ordine,tale chiarezza,tale armonia sono però

    a mio parere,infranti da certe uscite presenti negli articoli.

    Nella fattispecie le frecciatine contro il Cristianesimo.

    Tali "frecciatine"(tirate senza neanche nominare mai il

    loro bersaglio) sono invece abbastanza morbose,isteriche,

    muliebri e tremendamente basse.

    Sarebbe più "solare" scrivere a chiare lettere "il Cristianesimo è una puttanata",

    piuttosto che diventare "lunari" ogni volta che si tocca il tema cristiano.

    Senza contare che che quegli elementi vituperati

    (peccato originale,apocalisse)sono elementi facenti parte della Tradizione:

    la caduta dell'Uomo è un tema iper-presente,dallo Stoicismo alla religione Romana,

    a tutte le Filosofie indoeuropee;

    l'Apocalisse,la fine dei tempi bui

    (o dell'Era del Ferro,o del Kali Yuga) precedente

    ad una rigenerazione(Regno di Dio,Satya Yuga,Aurea Aetas ecc….)

    è ugualmente parte del patrimonio Tradizionale.

    Insomma,il Cristianesimo è stato prepotentemente

    e totalmente Solare.

    Anche se le svolte plebeo-demagogiche

    (nel medioevo quanto

    nell'epoca post-conciliare)lo hanno sempre

    insidiato.

    P.s.

    Se volete non pubblicare questo lungo e noioso

    commento,sta bene.

    E' solo un umile e fallibile parere che vorrei

    porre alla redazione.

    Saluti.

  3. Plutarco ha detto:

    Ci sono molti aspetti "solari" nel cristianesimo, tant'è che molto esoteristi, a torto o a ragione, ritengono che il mito del Cristo, un po' come i tarocchi, sia stato "inventato", ad un certo punto, da alcune elites iniziatiche, per far sopravvivere temi della più alta tradizone solare egiziaca, anche se solo sottoforma di mito (es. rinascita di Osiride, Horus concepito da Iside, il malvagio antagonista Seth). La stessa tradizione esoterica ebraica deriva dalla magia egizia.

    Ciò detto è altrettanto vero che molte componenti del cristianesimo storico sono state e sono chiaramente lunari, specie la sua natura di culto devozionale, e anche il fatto che la più alta vena spirituale del crisitanesimo non va oltre il misticismo…

    Se ciò sia dovuto alla contaminazione con il mondo ebraico è cosa difficile da stabilire, certo ad esempio Serrano distingue tra un Khristos ariano e iperboreo-soalre, e un Cristo semitico. Sulla presenza di forti componenti "lunari" nella religiosità e nello spirito semitico ha profusamente parlato Evola, e non mi permetto di aggiungere altro.

    Fatte queste premesse, e col dovuto massimo rispetto per la "Via Solare", ricordo che lunare non è una parolaccia. Una via lunare è un percorso altissimo e nobilissimo, ancorchè incompleto rispetto alla vetta metafisica rappresentata dall'archetipo del Sole.

    Il lunare Argento è infinitamente superiore alle vili nature di fango e di paglia che troviamo nella maggior parte degli individui che insozzano oggi il mondo.

    Quant'è più nobile un san Filippo Neri rispetto a un Berlusconi, un Lele Mora, un Maurizio Costanzo, o un Costantino Vitagliano?

    Anche una via lunare può offrire possibilità di ascesi elevate; e non bisogna scordarsi che non tutti sono qualificati per l'ascesi solare.

    Meglio chi segue un percorso che quacluno definirebbe lunare, di tanti che si esaltano parlando di azione, di Kshatryia, e poi nel migliore dei casi esauriscono il loro pathos guerriero pogando nei concerti o nelle risse da pub.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *