La battaglia di Petrikowka. Fanti italiani e fanti SS sul fronte russo

Massimiliano Afiero

Massimiliano Afiero nasce ad Afragola (Napoli) nel 1964. Insegnante di informatica ma soprattutto appassionato studioso del secondo conflitto mondiale, ha pubblicato numerosi articoli sulle principali riviste di Storia a diffusione nazionale, come Storia del XX Secolo, Storia e Battaglie, Storia del Novecento, Raids e Milites e collabora attivamente con numerosi siti web a carattere storico-militare. Dal novembre 2004 è Consulente storico e Direttore Tecnico della rivista Volontari, bimestrale dedicato esclusivamente alla storia delle formazioni della Waffen SS. Dal maggio 2008 Caporedattore della rivista bimestrale SGM (Seconda Guerra Mondiale) pubblicata dall'Editoriale Lupo.

Potrebbero interessarti anche...

239 Risposte

  1. Mario ha detto:

    @ Milena: se vai su questo sito del Ministero della Difesa http://www.difesa.it/Il_Ministro/ONORCADUTI/Pagine/Amministrativo.aspx
    puoi fare una ricerca inserendo i dati anagrafici in tuo possesso.
    Sullo stesso sito c’è l’indirizzo e-mail a cui potresti rivolgerti per ulteriori informazioni. Io stesso sono riuscito ad avere le foto del luogo di sepoltura in Russia di mio nonno.

  2. Mario ha detto:

    @ Milena: forse erano commilitoni e si conoscevano. Mio nonno era alla Divisione TORINO, 82° Reggimento di Fanteria, Compagnia mortai da 81…

  3. Pascal ha detto:

    Mario sono contento che almeno ha avuto delle risposte

  4. Pascal ha detto:

    Milena su onorcaduti suo nonno risulta deceduto il 15/10/42

  5. Mario ha detto:

    Ciao Pascal, avevo letto anch’io quella data ma non volevo anticiparglielo… la data della cartolina in suo possesso è successiva a quella della dichiarazione di morte… vabbè!…

  6. Pascal ha detto:

    si scusa! sara’ un errore.

  7. Milena ha detto:

    Ciao Pascal, non è senz’altro mio zio, perché scriveva il 20-11-42 che si trovava in seconda linea del fronte russo, che faceva molto freddo e che erano ricoverati sotto terra per deviare la vedetta nemica. Lungo il viaggio si erano fermati in un capannone per dormire, ma si è incendiato lasciando 8 morti e una cinquantina di feriti. Lui ha perso tutto il corredo e chiedeva se per Natale potevano spedirgli fra le altre cose, inchiostro, fogli, buste, penne, sigarette, una pipa. – I miei andarono per spedire il pacco, ma non venne inoltrato perché là(dissero )non ricevevano più niente.- In una precedente cartolina del 10-11-42 diceva che 3 gg.prima erano arrivati al capannone dove li avevano portati a riposare, dopo una lunga marcia a piedi di 120 km.per arrivare vicino alla linea. ed accenna a un grande fuoco che ha bruciato tutto, ha fatto 8 morti e 2 cavalli- Sono queste le uniche notizie cho ho. Onorcaduti ,interpellato da mia zia, non ha notizie , zio Remo risulta disperso, dove? Saluti a tutti

  8. Pascal ha detto:

    be sapere dove non e’ facile, puoi intuire in base al reparto qualche spostamento ma la certezza non si ha, e molte volte disperso significa prigionia e poi purtroppo diventa impossibile sapere qualche cosa. giustamente nelle lettere non potevano indicare le localita’. provate a contattare l’UNIRR

  9. angelo forni ha detto:

    gradirei informazioni & motivazione X la decorazione da parte di hittler di mio padre Forni Mario nato il 16 /1/1917 san giovanni persiceto BO reduce dalla russia della brigata torino .Ho letto nella lista dei decorati un certo Forni Vario, non vorrei fosse , un errore di trascrizione e… magari fosse lui .grazie & saluti

  10. angelo forni ha detto:

    non mi risulta: comunque se avete qualche documentazione la gradirei volentieri

    saluti & grazie

Rispondi a Pascal Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.