Affinità e differenze tra culture
| |

Riflessioni sulla visione del mondo nella cultura nordica, nel cristianesimo, nell’ebraismo e nella Grecia del V secolo.

L’umanità come finzione
| |

Shakespeare e Marlowe, i due grandi esponenti del teatro elisabettiano, hanno negato l’esistenza effettiva dell’umanità.

Non c’è scampo alla propria coscienza
| |

Il senso degli angoscianti racconti di Poe verte sull’irrimediabile dannazione dell’uomo moderno.

Riflessioni su alcuni romantici
| |

Affinità e differenze di vedute e di estetica tra alcuni autori ottocenteschi.

Una cattiva cultura
| |

Oggi l’ingenuità nel credere che la realtà sia tale quale la vediamo si accompagna all’ipocrisia dell’attribuire nobiltà a ciò che non ha nulla di nobile e, infine, ad un tedioso gusto per ciò che è sentimentale.

Su due romanzi dostoevskijani
| |

Brevi riflessioni esistenziali su ‘I demoni’ e le ‘Memorie dal sottosuolo’.

Il modo d’essere dell’Arbeiter
| |

Brevi considerazioni sulla struttura ontologica dell’Operaio di Ernst Jünger.

Sul tradizionalismo evoliano
| |

L’Evola filosofo è già tradizionalista, pur non avendo ancora sviluppato la nozione di Tradizione.

Riflessioni sulla filosofia dell’azione di Yukio Mishima
| |

L’azione per Mishima è lotta, in quanto riflettere concilia, pacifica.

Valore, libertà, nichilismo
| |

L’auto-sacrificio nichilistico è, presso Jünger, differenziante (qualitativamente) dovere. Non solo non è egoismo, ma è libertà nel senso più proprio. Proprio per questo, svincolata da tutto, è Grandezza.