Lovecraft 80
| |

Una retrospettiva su Howard Phillips Lovecraft nella ricorrenza degli 80 anni dalla morte.

Il cellulare sessista
| |

Il livello surreale cui è giunto il giornalismo italiano, seguendo senza più alcun freno i dogmi del linguaggio politicamente corretto.

Conoscere la storia con i giornali. Intervista allo storico Marco Cimmino
| |

La case editrice Hachette Fascicoli ha pubblicato per un intero anno una serie settimanale intitolata Giornali di guerra 1940-1945; ora, giunti alla fine di questa serie di 52 fascicoli, e visto il suo successo, si è pensato di effettuare la stessa operazione con i giornali del fascismo 1919-1939.

Volt, il conte futurfascista
| |

Vincenzo Fani Ciotti (1888-1927) fu autore di un preveggente romanzo fantastico-futurista in cui si mescolano invenzioni scientifiche, anticipazioni sociali e polemiche politiche.

Nuove/vecchie vie per la cultura italiana. I cinque anni antimoderni di “Antares”
| |

I cinque anni della rivista Antares: un lavoro vario, complesso, originale e intelligente che ha gettato una pietra nella morta gora della nostra cultura ed editoria.

Quando Moana Pozzi citava (sbagliando) Julius Evola
| |

Tramite la rete si è diffusa una ridda di pseudo-citazioni di terza mano, indice del grado di attendibilità di certe notizie.

Omologazioni giornalistiche
| |

Anche nel mondo dell’editoria sta venendo meno il pluralismo, non solo delle testate, ma soprattutto delle idee, dei punti di vista, delle opinioni, dei commenti.

Come uccidere i padri “fascisti” della storia delle religioni italiana
| |

Uno sconclusionato e imbarazzante convegno “antifascista” sulla storia delle religioni.

Mode & conformismi. Scusi, ma lei è per caso sessista?
| |

L’inarrestabile diffusione di un demenziale vocabolario “antisessista” è un ulteriore segno della dittatura del politicamente corretto.

Le anomalie dell’ultimo Papa
| |

Bergoglio, i segni, Malachia e Nostradamus: un’interpretazione simbolica del pontificato di Papa Francesco.

Se a sinistra si possono fare le cose “di destra” che la destra non osa fare
| |

Una destra pavida e imbelle continua a lasciarsi intimidire dal trombonesco moralismo dei perbenisti.

Killeraggio accademico
| |

Il convegno “L’eredità di Julius Evola”, svoltosi a Roma il 29 novembre e che vedeva come relatori tutti docenti universitari, ha dato lo spunto ad una lobby accademica per un regolamento di conti con i propri nemici interni.

Ritorno al pianeta Urania. Dove è nata (e morta) la fantascienza italiana
| |

Che la fantascienza italiana non sia stata caratterizzata, sin dai suoi esordi popolari, da una presenza costante e quindi fattiva e incisiva di riviste, è un dato di fatto acclarato.

Evola fra tradizione e futuro
| |

A quarant’anni dalla morte, Julius Evola si dimostra quanto mai attuale per le sue analisi fuori dal coro, per averle fatte in una prospettiva non limita­ta al contingente, ma avendo lo sguardo proiettato lontano.

Storia ed esoterismo si tingono di «giallo»
| |

Nei suoi romanzi Giulio Leoni costruisce una trama poliziesca e investigativa o nel passato vicino o lontano, oppure aggiunge a una classica trama poliziesca elementi fantastici, fantascientifici, orrorifici, esoterici e occulti, senza che però questi appaiano posticci.

Vampiri e spettri. Ecco i nonni italiani del «fantastico»
| |

Si può dire che la tentazione del fantastico abbia colpito un po’ tutti i nostri maggiori scrittori, veristi compresi, anche se saltuariamente. Più diffusa la vena sotterranea a livello di narrativa popolare, e lo sforzo di una critica aperta e intelligente dovrebbe essere quello di riportarli alla luce.

Un eroe italiano
| |

Romano è non solo il capolavoro di Kurt Caesar, ma anche il personaggio avventuroso più completo del fumetto italiano fra le due guerre.

Musulmano o costruito dai robot: il Papa di fantascienza finisce così
| |

Le religioni (e la teologia) sono argomenti che hanno sempre attirato gli scrittori fantastici e fantascientifici. In particolare la Chiesa cattolica, sotto il profilo temporale e spirituale, ha ottenuto attenzione speciale sia in positivo che negativo.

Sul pianeta Urania c’è ancora vita
| |

Giunta alle soglie dei 1600 numeri, Urania delle Edizioni Mondadori è stata la rivista che maggiormente ha favorito il successo di pubblico in Italia del genere fantascientifico.

Un cacciatore di serial killer nella Londra dell’Ottocento
| |

La mano sinistra di Satana di Roberto Genovesi (Newton Compton) porta una ventata di novità da parte di uno scrittore italiano in un genere letterario che sembrava esclusivo appannaggio degli autori di lingua inglese.

Cuando Evola y Eliade quisieron “hacer frente” espiritual
| |

Un ensayo escrito por Liviu Bordas publicado en el nuevo número de Nuova Storia Contemporanea es un estudio rico en análisis e interrogaciones sobre el encuentro entre dos grandes estudiosos.

Lovecraft diventa un «classico». Era ora
| |

Fa un certo effetto vedere una corposa antologia del «meglio» di H.P. Lovecraft pubblicata nella collana Classici Universale Economica Feltrinelli accanto a opere di Novalis, Maupassant, Dostoevskij, Whitman, London, Wilde, Austen e Goethe.

Prima che tutto sia finito
| |

Nel romanzo Prima che tutto sia finito Daniele Lembo immagina che un prototipo del «raggio della morte» sia stato completato da un assistente di Guglielmo Marconi e, dopo l’8 settembre, portato a Nord per la sua messa a punto.

Gianfranceschi, i fieri aforismi dell’ultimo reazionario
| |

Aforismi del dissenso è la lucida descrizione, per lampeggiamenti e intuizioni, della decadenza in cui viviamo e, allo stesso tempo, un ritratto culturale e morale del suo autore.

Ray Bradbury. Le mille facce di un genio inafferrabile
| |

Con Ray Bradbury scompare uno degli ultimi rappresentanti della grande e irripetibile «età d’oro della fantascienza».

Quando Evola e Eliade vollero «fare fronte» spirituale
| |

Un saggio di Liviu Bordas pubblicato sul nuovo numero di Nuova Storia Contemporanea analizza compiutamente il rapporto tra Evola ed Eliade, anche alla luce del ritrovamento di lettere sinora sconosciute.

Cupo, letterario e onirico. Ecco il gotico all’italiana
| |

Michele Mari è un unicum nel panorama della narrativa italiana, perché possiede un retroterra culturale che gli permette di combinare il classico con i capolavori della narrativa gotica, nera, orrorifica e fantasmatica, e di coniugare una sapienza di scrittura allo stesso tempo originale e mimetica.

Il fantascientista che nobilitò la letteratura pop
| |

Carlo Fruttero fece accettare alla cultura italiana la «letteratura di genere» (avventura, poliziesco, orrore, fantascienza) sia con la sua attività di antologista e direttore di collane, sia come romanziere.

2011, fuga nell’immaginario
| |

Quasi tutti i libri più venduti nel corso del 2011 hanno un soggetto spiccatamente fantastico: quali sono le ragioni di questo inatteso successo?

In volo verso Venere chiusi in un armadio. Ma ad anti-gravità
| |

Sei giorni fuori dal mondo è un curioso romanzo di proto-fantascienza satirica del 1905 di Juan Pérez Zúñiga (1860-1938), autore per noi italiani totalmente sconosciuto.

Il viaggio nel tempo in letteratura
| |

Trascorsa l’età pioneristica della fantascienza, gli scrittori capirono che viaggiare nel tempo poteva produrre paradossi di ogni tipo.

Un’antiutopia individualista
| |

Il romanzo Anthem di Ayn Rand è un tipico esempio di antiutopia negativa, perché porta al parossismo le premesse della rivoluzione bolscevica del 1917.

Bufale apocalittiche
| |

Le leggende metropolitane e il millenarismo sono diffuse quanto o più che nel passato, a conferma della loro tipica “umanità”.

La destra è al governo, la cultura all’opposizione
| |

Stanno ritornando gli anni Settanta per il clima ideologico e politico fazioso e intollerante dominato dalla cariatide dell’antifascismo.

Torna «Weird Tales», la rivista che inventò l’horror made in Usa e H.P. Lovecraft
| |

La casa editrice Fun Factory Entertainment di Terni insieme ad altre riviste lancia la prima edizione italiana di Weird Tales, il più noto pulp magazine dedicato alla letteratura fantastica.

Atlantide e altri non-luoghi. Alla ricerca del mito perduto
| |

Il mito della terra perduta di Davie Bigalli è un libro denso, zeppo di riferimenti e di citazioni tratte dai testi più singolari e sconosciuti che dimostra come anche di miti viva il genere umano, ancorché sempre più dotto e scettico

Morselli, che scrittore “fantastico”
| |

Uno degli autori del Novecento che ha avuto importanti frequentazioni con l’Immaginario è Guido Morselli. E oggi che praticamente tutte le sue opere sono state pubblicate lo si dovrebbe annoverare tra i nostri autori del Novecento più importanti in assoluto

Caro Tremaglia da Salò, come puoi perfino tu rinnegare i vecchi ideali?
| |

Il desolante declino umano e politico di Mirko Tremaglia, da giovane volontario della RSI a seguace dell’antifascista Gianfranco Fini

Suggestioni fantastiche e utopiche dell’architettura futurista
| |

Diversi autori di letteratura fantastica popolare influirono profondamente sull’immaginazione artistica e la creatività architettonica di Marinetti

La fanta-archeologia di Valerio M. Manfredi
| |

Valerio Massimo Manfredi non solo conosce la classicità greco-romana ma riesce anche a calarsi nel modo di pensare e agire di quei nostri lontani progenitori

Grandi autori per piccoli lettori
| |

Mino Milani è autore di decine e decine di romanzi per giovani e adulti, di opere storiche, saggi, sceneggiature. Ma la critica ufficiale lo ha sempre ignorato

Gli scritti teorici di un romanziere fantasy
| |

Michael Ende ha utilizzato nelle sue opere immagini tratte dal profondo dell’Immaginario collettivo dell’umanità, e quindi compresibili da chiunque

Ma che fantastica «Domenica»!
| |

A La Domenica del Corriere interessava la patologia della realtà: ecco quindi la predilezione per l’abnorme, il diverso, l’orrido, il curioso

Gli elfi della metropoli
| |

Il ‘Piccolo Popolo’ è simbolo delle potenze della Natura: se essa è “magica”, questa sua magia si perpetua nonostante tutto, anche se in modi e forme diverse

Il fantastico italiano ritrova le sue radici
| |

Il labirinto dei Sarra di Luigi de Pascalis dimostra come la nostra narrativa non sia affatto priva di autori originali e ricchi di qualità letterarie, spesso messi in ombra da tanta zavorra giovanilistica, esaltata proprio perché tale.

Un anno di «IF», la «Bibbia» dell’insolito e del fantastico
| |

IF (Insolito e Fantastico) è una pubblicazione fatta bene, seria ma non seriosa, al di sopra delle fazioni e aperta alla collaborazione dei saggisti e dei narratori delle più diverse tendenze e idee con l’unico scopo di analizzare e promuovere la «letteratura di genere»

La legione occulta che toglieva dai guai (soprannaturali) l’imperatore
| |

La legione occulta dell’impero romano di Roberto Genovesi è un romanzo assai originale e pieno di spunti su cui pensare, ma non perfettamente compiuto

Errico Passaro, fughe filosofiche dallo Zodiaco e dall’inferno
| |

In due recenti romanzi, Errico Passaro dà prova di una immaginazione esuberante e originalissima, ma in parte deve scontare le esigenze editoriali

L’erede di Baabek
| |

L’erede di Baabek di Sergio Valzania avrebbe potuto costituire uno dei romanzi italiani di heroic fantasy più originali e maturi

Il revisionismo buono e quello cattivo
| |

Affermare che non è vero che il 25 aprile è una ricorrenza nazionale fatta propria da tutti come vuole l’ufficialità, non è revisionismo revanscista ma semplice constatazione dei fatti

1 2