Augustea e La Stampa

augustea-la-stampa E’ da poco in libreria una nuova antologia di scritti evoliani, edita da Heliopolis: si tratta degli articoli apparsi, tra il 1941 e il 1943, sul quindicinale Augustea e, tra il 1942 e il 1943, sul quotidiano torinese La Stampa.

L’opera in questione, come i precedenti volumi prodotti dalla Fondazione Evola, ha il preciso scopo di far luce sul progetto culturale ed esistenziale del filosofo romano, per cogliere il quale, non si può far riferimento solamente alle opere maggiori, ma è necessario analizzare la produzione su riviste che, nel caso di Evola, risulta vastissima.

Il volume è corredato da un’introduzione chiarificatrice, sotto il profilo speculativo, del filosofo politico Gian Franco Lami, nonché da un’appendice critica, a firma di Alberto Lombardo, coordinatore del Centro Studi La Runa, nella quale si inquadrano, storicamente e criticamente, i contributi apparsi su La Stampa. Non mancano, peraltro, le risposte che, dalle colonne di Augustea, furono fornite alle tesi evoliane da Aldo Capasso. Infine, chiude il volume, la nota bio-bibliografica, relativa ai direttori dei due organi di stampa.

A parere di Lami, la spiritualità evoliana, anche in questi scritti, impone logiche selettive e percorsi di: “ritrovati virtuismi”. Per tale ragione il filosofo si fece assertore di: “un’etica capace di farsi bella agli occhi di chi la praticava, …matrice imprescindibile e impronta tradizionale di qualsiasi “genialità individuale” e di qualsiasi “creatività espressiva” (p. 9). Razza e cultura divenivano, in quest’ottica, semplici espedienti operativi, luoghi in cui produrre l’agonismo di personalità, vero obiettivo del pragmatismo trascendentale. Perciò Evola, a differenza di Capasso, mai avrebbe potuto concepire la razza come sintesi di sentimenti nazionalistici o come risultato di un processo omologante. Al contrario, il suo insistere sul tema razziale, era dovuto all’urgenza, dettata anche dalla grave situazione bellica, di: “far emergere dal potenziale dell’individuo la spinta all’eccellenza, l’impegno a ben fare, a quella perfezione, che si configurava come fedeltà alla parola data” (pp. 16/17). Il filosofo ha, insomma, sempre in vista, in questi contributi giornalistici, la costituzione di una “comunità degli uguali” i quali pensano, vogliono e agiscono in modo differenziato proponendosi, al contempo, in atteggiamento dominante. Loro carattere peculiare risulterebbe allora la compiutezza, qualità umana assai prossima a quella dei teleioi platonici, dotati del carattere eminentemente virile, proprio della cittadinanza classica, l’andreia.

In particolare nell’articolo: “Che cosa significa Ario?” (Augustea, 16/30 Novembre 1941), Evola auspica la necessità di una ri-nascita spirituale in vita che risulti realizzabile e testimoniabile: “negli atti donanti forma e ordine all’interno di una civiltà” (p. 17).

La comunità degli uguali si configura, pertanto, con caratteristiche, assai simili a quelle proprie dell’ideale civico-virtuoso platonico-aristotelico. Ciò comporta il primato dell’ethos sul pathos, l’avversione per il sentimentale donarsi al fluire naturalistico, la centralità della verità.

L’ideale evoliano è un percorso di liberazione che trova il proprio approdo nell’ambito politico: in esso, gli appartenenti alla comunità persuasa, si fanno portatori della “forza divina in terra”, rendono, con l’esempio, manifesto il contenuto spirituale della vita che: “prende forma ordinante, secondo ritmi, modelli, miti, che distinguono un filone di tradizione dall’altro (p. 19). Per giungere a tanto la vita deve essere vissuta in contemplazione, cioè in una tensione dinamica e svincolante dalle illusioni materiali e desiderative. In “La religione del Samurai” (Augustea, n. 5, 1 Marzo 1942), l’autore chiarisce come tale contemplazione riveli un carattere essenzialmente disvelativo, tanto nella tradizione orientale, quanto in quella occidentale, si pensi, tra gli altri, al modello di vita socratico, centrato sulla dinamica tensione che mantiene l’esistenza in una sorta di stato di veglia.

La filosofia di Evola è una filosofia del perfettibile, ma senza alcun riferimento a dio e, in cui, la perfezione è semplicemente l’ideale cui tendere.

La sua idea di tradizione è essenzialmente dinamica, e ciò lo porta a privilegiare la romanità delle origini (“Esplorazioni nella romanità delle origini”, in Augustea, n. 22, 15 Novembre 1942).

La prospettiva romana consente la manifestazione del divino nella storia, la figura del patrizio è, al riguardo, emblematica: egli traduce in un gesto pubblico la volontà divina mostrando che l’olimpicità si traduce in atto, nei comportamenti virtuosi che giustificano il ruolo di guida del patriziato. La storia, la dimensione pratico-politica, divengono palestra di spiritualità e di esistenze in-tensione.

L’uomo evoliano è co-autore della storia, realizza la coincidenza di verum et factum di vichiana memoria. Un vichianesimo, ovviamente, quello del pensatore romano, senza provvidenza e senza fideismo dogmatico. Una psicoantropologia classica, quello del filosofo della Rivolta, che induce Lami a definirlo un platonico senza platonismo. Per questo: “si potrebbe parlare di Evola come dell’ultima testimonianza reattiva, in avversione al cartesianesimo astratto e sistematico, ma anche a superamento del collasso superomistico nel dionisismo nietzschiano” (p. 23). L’uomo di Evola, artifex e pontifex, nelle drammatiche contingenze della guerra, doveva, per questo, se necessario, votarsi alla morte sacrificale, al coraggio trasfigurante. Tema questo, ricorrente negli articoli pubblicati su La Stampa.

In essi la filosofia evoliana si costringe, come non mai, ad un serrato confronto con la realtà. La guerra poteva essere occasione per accelerare i processi di trasformazione razziale che dovevano passare dall’ interiorità di quanti erano coinvolti in quegli eventi (“Guerra e Ascesi”, in La Stampa, 18 Gennaio 1943).

E’ interessante notare come, al fine di fortificare in senso apollineo gli spiriti, Evola giungesse a rivalutare il cattolicesimo ascetico certosino che, come rileva Lombardo, aveva contribuito a mantenere accesi i fuochi di bivacco della tradizione in momenti drammatici della storia ( “Meditazioni alla Certosa” , in La Stampa, 13 Febbraio 1943). Certamente, però, l’articolo che raccorda i contributi de La Stampa a quelli di Augustea, affrontando un tema essenziale nel pensiero di Evola, è “Animus e anima” (La Stampa, 2 luglio 1943).

In esso l’autore sostiene che, la parola anima, è strettamente correlata al termine animale, indicando ciò che è subpersonale. All’opposto l’animus è qualità propria dell’uomo che si è liberato del vincolo naturalistico. L’aner è, cioè, cosa altra dall’anthropos, dall’uomo-animale.

In ciò si palesa la distanza della filosofia della tradizione da quelle espressioni vitalistiche moderne di autori come Klages e Bergson. Basterebbe solo questo aspetto, presente negli scritti dell’antologia in questione, a consigliarne la lettura. Riteniamo che da essa, chi è interessato a Evola, non possa prescindere. Infatti, in queste pagine, si delinea con chiarezza l’antropologia della tradizione che, in quegli anni, portò il filosofo a sostenere che la sola alternativa alla pratica del bene fosse da rinvenirsi nell’onta e nel disonore. Non si pensi ad affermazioni retoriche, al contrario, esse rappresentano pienamente quella rivoluzione dei persuasi che Evola incarnò, con pochi altri, al massimo grado.

* * *

Originalmente pubblicato sul sito Filosofiapolitica.net

Segui Giovanni Sessa:
Giovanni Sessa è nato a Milano nel 1957 e insegna filosofia e storia nei licei. Suoi scritti sono comparsi su riviste e quotidiani, nonché in volumi collettanei ed Atti di Convegni di studio. Ha pubblicato le monografie Oltre la persuasione. Saggio su Carlo Michelstaedter (Roma 2008) e La meraviglia del nulla. Vita e filosofia di Andrea Emo (Milano 2014). E' segretario della Scuola Romana di Filosofia Politica, collaboratore della Fondazione Evola e portavoce del movimento di pensiero "Per una nuova oggettività".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.